Apple rilascia finalmente gli AirPods

Dopo tanti rinvii, Apple ha finalmente rilasciato gli AirPods. Presentati con l'iPhone 7 come visione di Apple per un futuro sempre più senza cavi (visto anche l'abbandono del jack da 3.5 mm), avrebbero dovuto essere lanciati entro fine ottobre, ma alcuni problemi di progettazione ne hanno causato il rinvio ad oggi. Pare, infatti, che visto che entrambi gli auricolari si allacciano con due connessioni differenti allo smartphone (o al Mac o all'iPad), il suono non giungesse contemporaneamente alle orecchie, generando così un fastidioso effetto fuori sincrono.

Gli AirPods sono dotati del chip W1 che permette di associarli al volo al proprio dispositivo, semplicemente aprendo la scatola che funge anche da base di ricarica. Dopo averli indossati, sfiorandoli due volte si può evocare Siri. Inoltre, secondo quanto sostenuto da Cupertino, il W1 produce un suono cristallino e gestisce intelligentemente la batteria del singolo auricolare. Infatti, l'autonomia dichiarata è ottima: la custodia fornisce ben 24 ore di autonomia, mentre una ricarica completa degli AirPods garantisce 5 ore di conversazione. Inoltre, solo 15 minuti di caricamento garantiscono fino a 3 ore di ascolto.

Qualora siate interessati agli AirPods, potete acquistarli dal sito di Apple con consegna garantita entro Natale: finalmente un buon modo per usare la carta regalo di 100 € donata dalla società a chi si era recato in un suo Store per comprare un iPhone 7 Plus non disponibile al day one.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.