KGI: in arrivo i MacBook Pro con Kaby Lake e 32 GB di RAM durante il 2017

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Nardi Luigi Filippo, Simone Pignatti.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il solito Ming-Chi Kuo di KGI Securities si lancia in una previsione che, perdonatemi, ritengo quasi scontata: durante il 2017, Apple aggiornerà i MacBook Pro consentendo la configurazione del modello top di gamma con Touch Bar da 15" con i processori Kaby Lake e i 32 GB di memoria RAM tanto agognati da una grande fetta di utenza.

macbookpro15-touchbar-hero-2

Come abbiamo già avuto modo di dire, la scelta di Apple non usare i processori Kaby Lake sui MacBook Pro 2016 è dovuta alla mancanze dei chip specifici per i laptop e, di conseguenza, ha dovuto limitare anche la memoria RAM a 16 GB pur di usare la meno energeticamente esosa LPDDR3, supportata da Skylake. Secondo Kuo, i processori Kaby Lake appena annunciati da Intel al CES 2017 saranno utilizzati dapprima nel MacBook da 12" che sarà offerto al pubblico anche con 16 GB di RAM nel Q2 di quest'anno. Nel successivo Q3, invece, Apple aggiornerà i MacBook Pro da 13" e 15" alla nuova architettura.

L'analista, inoltre, suppone che durante quest'anno Apple migliorerà la catena di produzione dei portatili, di modo da soddisfare la forte domanda che, già per l'attuale modello son Skylake, comporta dei tempi di attesa abbastanza lunghi. Infine, Kuo chiosa con una previsione sull'iMac che, nel Q2 2017, dovrebbe finalmente ricevere una revisione completa dell'hardware ed essere dotato delle porte USB-C.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.