Primo unboxing di Switch, ma Nintendo precisa che si tratta di una console rubata

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Massimiliano Bombonati, Alessandro Peroni.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il sito FloKO ha pubblicato sul proprio canale YouTube il primo unboxing della storia di Nintendo Switch. La console, infatti, è giunta ad un suo redattore con ben due settimane di anticipo, anche se priva di giochi e, quindi, può attualmente essere sfruttata come un bell'oggetto da esposizione.

La confezione di Switch è piuttosto minimale e ben organizzata e permette di accedere a tutti gli elementi inclusi molto più facilmente rispetto a quelle di Wii e Wii U, che erano un vero rompicapo.

La scatola, infatti, è organizzata su due livelli: sul primo troviamo la console e i due JoyCon, sul secondo, invece, in tre scompartimenti differenti, il JoyCon Grip, i due laccetti, l'alimentatore e il dock. Quest'ultimo può essere aperto posteriormente per inserire il cavo HDMI e quello USB-C, entrambi inclusi nella confezione. È inoltre presente una terza porta di espansione USB-A, che in futuro supporterà lo standard 3.0.

Il menù della console, invece, sembra essere un ibrido fra quello di PlayStation 4 e quello di un qualsiasi terminale Android, anche se è possibile riconoscere il classico stile della UI dei prodotti Nintendo, pur votato al minimalismo.

Ad ogni modo, dopo l'unboxing di FloKO ne stanno apparendo altri. Ad esclusione della stampa specializzata e di alcuni YouTuber che hanno già ricevuto la console (ma non possono pubblicare le proprie impressioni sino alla fine dell'embargo imposto da Nintendo), tutti gli altri utenti comuni stanno filmando console rubate, o almeno è quel che sostiene la grande N in una sua nota ufficiale che, secondo i più maliziosi, è stata diffusa solo per evitare critiche sul sistema di distribuzione e di vendita.

Per quel che mi riguarda, l'attesa si fa spasmodica e non vedo l'ora di mettere le mani su Switch.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.