Toshiba vorrebbe vendere il settore NAND: Apple, Amazon e Google in coda

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Roberto D'orta, Giovanni Tonini.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

toshiba-logo

Toshiba rientra nelle prime 100 aziende del mondo ed è anche uno dei più grandi produttori di Hard Disk. Nel 2012 ha acquisito Indilinx e nel 2013 ha speso $35 milioni di dollari per comprare anche il brand OCZ ed entrare a pieno diritto nel segmento delle memorie allo stato solido. La multinazionale oggi non gode di buona salute, dal momento che il tentativo di produrre dei reattori nucleari di nuova concezione è fallito e Toshiba/Westinghouse ha dichiarato bancarotta. Per ritornare rapidamente in carreggiata servono 9 miliardi di dollari e pare si sia deciso di ricavargli vendendo il settore NAND dell'azienda.

westinghouse

Il Korean Herald (via MacRumors) dice sono già in dieci gli interessati e fa anche i nomi di Apple, Amazon e Google. Secondo Nikke,i la Silver Lake e Broadcom hanno già offerto 18 miliardi di dollari, ma vi sono anche Western Digital e TSMC che potrebbero fare un'offerta consistente. Sia Apple che Samsung sono clienti di Toshiba per le unità Flash ed avrebbero buone ragioni per acquistare la sua divisione NAND, la quale possiede oggi il 20% del mercato. Poi ci sono anche Google ed Amazon, che avrebbero intenzione di utilizzare quelle memorie nei proprio data center (Amazon potenzialmente anche nei propri dispositivi di elettronica). Comunque vada, si tratta di un asset di rilievo per il mondo tecnologico e questo passaggio di mano apporterà cambiamenti importanti per le aziende coinvolte. Ci sono già due fonti, ma in tutti i casi è opportuno ricordate che si tratta ancora di notizie non confermate.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.