Apple si unisce a Foxconn per l'acquisto del reparto NAND di Toshiba

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Antonio Fedele Martina, Marco Massimetti.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Non è un mistero che Foxconn, l'azienda che si occupa della produzione dei prodotti di Cupertino e di altri big della tecnologia, sia da tempo interessata ad acquistare la divisione chip di Toshiba, dalla quale dipende anche la produzione delle memorie NAND. Per riuscire nel suo intento, ha chiesto una mano anche ad Apple, Microsoft, Google e Cisco, ma, ad oggi, solo Tim Cook ha dichiarato che l'azienda da lui diretta è pronta per partecipare all'offerta.

Partecipare ad un acquisto del genere, significherebbe per Apple riuscire ad approvvigionarsi per tempo per il lancio di nuovi prodotti, usufruendo di una corsia preferenziale rispetto alla concorrenza.

Dall'altro lato, invece, il governo giapponese è preoccupato per la vicenda, visto che il controllo societario cadrebbe in mani straniere. L'amministratore di Foxconn, Terry Gou, ha comunque dichiarato a Reuters che Foxconn non otterrà più del 40%, dividendo il resto delle quote fra più società fra l'America e la Thailandia, di modo che non vi possano essere pesanti ripercussioni sull'economia giapponese. Apple, a quanto pare, sarebbe interessata ad acquisire il 20% di Toshiba.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.