#MadeByGoogle: arriva Clips e promette di salvare tutti i nostri migliori ricordi

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Lodovico Gottardi, Giorgio Gullotti, Alessio Soraci, Antonio Martella, Antonio Martella, Manuel Riguer, Giacomo Fortunati.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

google-clips

Come ho già detto parlando di Pixel 2, non c'è oggetto elettronico in cui ormai non si inserisca un pizzico di intelligenza artificiale e si condisca con il machine learning. Ci sono questi alla base di Google Clips, che vedo un po' come la One More Thing dell'evento odierno. Dall'aspetto potrebbe sembrare una Action Camera con uno stile più pop, ma la vera novità è il suo comportamento. Grazie ai succitati strumenti di apprendimento e comprensione di ciò che "vede" con il suo obiettivo da 130°, Clips decide in totale autonomia cosa salvare, che siano fotografie o brevi spezzoni di video: Clip, per l'appunto. Importantissimo: Google ha precisato che nulla verrà caricato su internet senza specifica autorizzazione dei proprietari e che un LED di stato ci indicherà sempre quando il dispositivo sarà in modalità di registrazione.

L'idea è di poggiarlo su un mobile e dimenticarsene, metterlo a tavola insieme a noi o guardarci un film insieme (?). Attaccarlo alla bici di un bimbo o metterlo davanti a noi per un selfie di gruppo o lo spegnimento delle candeline ad una festa di compleanno. Non è che ci siano stati molti dettagli tecnici alla presentazione, ma l'idea sembra molto interessante così come la promessa che il "cervello" sia destinato a migliorare con il tempo ed i futuri aggiornamenti. Forse il prezzo di $249 è un po' eccessivo, specie considerando la registazione video a soli 15 fps, ma possiamo evitare di porci il problema visto che il nostro paese non è tra quelli in cui è prenotabile e non vi è nemmeno una previsione futura di disponibilità.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.