Oggi Samsung ha presentato gli attesi Galaxy A8 ed A8+, due midrange che hanno grandi possibilità di conquistare il mercato nel 2018 in attesa del prossimo S9. Il nuovo Galaxy A8 presenta un display FHD+ Super AMOLED da 5,6" e risoluzione 1080x2220 pixel, mentre la diagonale arriva a toccare i 6,0" nella versione A8+. Si tratta di una risoluzione particolare, mai adottata su nessun terminale come fa notare Android Police, con un particolare rapporto di forma pari a 18,5:9. Galaxy A8 e A8+ sono inoltre i primi dispositivi mediogamma della compagnia coreana a supportare Samsung VR.

Continuando con le specifiche troviamo come cuore pulsante un processore Exynos 8-core (2.2GHz Dual + 1.6GHz Hexa), 4GB di RAM (4 o 6GB per la versione A8+) ed una memoria interna di 32 o 64GB. Lato fotocamera troviamo una doppia lente anteriore da 16MP f/1.9 e da 8MP, sempre f/1.9. Sono invece 16 i megapixel per l’unica fotocamera posteriore con apertura f/1.7. La doppia camera frontale è abilitata al riconoscimento del volto con supporto anche a Samsung Pay.

La batteria è di 3000mAh, che salgono a 3500 per A8+. Non mancano ovviamente tutti i sensori del caso e la connettività di ultima generazione che comprende anche il Bluetooth 5.0. I nuovi Galaxy A8 e A8+ sarà disponibile a gennaio 2018 nei colori nero, grigio orchidea, oro e blu. Il listino prezzi deve essere ancora reso noto. Purtroppo, come da tradizione per il mondo Android, i nuovi terminali arriveranno sul mercato con preinstallato Android 7.1.1, ma speriamo che sia reso al più presto disponibile un aggiornamento per Android 8 Oreo.

Simone Sala

Junior Editor - Appassionato di tecnologia, mi piace analizzarne sia gli aspetti tecnici che i risvolti sociali. Sono curioso per natura e cerco sempre di sperimentare le ultime novità in qualsiasi ambito. Collaboro con SaggiaMente dal 2016.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.