eGPU: supporto semplificato (per AMD) con macOS High Sierra 10.13.4 beta

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Elias Beccu, Antonello Pirina, Fabrizio Giraudo, Claudio Orler, Gabriele Bursi, Salvatore Usai, Roberto Di Lonardo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Continuano i miei esperimenti in ambito eGPU, che ogni giorno presentano delle piccole novità e sorprese. Dopo aver provato la GTX 1080 su iMac 5K ed aver constatato un notevole taglio di prestazioni, sto testando la GTX 1070 ti che, pur essendo di categoria inferiore, arriva praticamente a pareggiare i conti nell'installazione sul box Thunderbolt 3 AKiTiO Node Pro.

akitio-node-pro-egpu-test-1080-1070ti

Per chi volesse sapere la procedura per far funzionare il tutto su macOS, che al momento supporta nativamente solo le schede grafiche AMD, lascio un link alla pagina in cui ho trovato le informazioni migliori, ovvero sul forum eGPU.io. Non avevo molte speranze di far funzionare tutto proprio sull'iMac 5K 2017 e invece con quello è stato facilissimo. È il MacBook Pro 13" 2017 (recensione) che non vuole saperne. Pare che sia solo quello senza Touch Bar ad avere problemi con le ultime versione di macOS, cosa che ancora trovo del tutto inspiegabile. Comunque si tratta per lo più di workaround, per cui non c'è da aspettarsi nulla che sia prevedibile e stabile, tant'è che anche sull'iMac mi capita saltuariamente di avere dei Kernel Panic all'avvio con la eGPU connessa. Tuttavia era proprio sul piccoletto che volevo testare i benefici di una scheda grafica esterna, lui che dentro ha una "misera" Intel Iris Plus 640. Allora mi sono deciso ad acquistare una delle AMD compatibili, ma non una qualsiasi. Avevo puntato la Vega 56 a cui faccio il filo fin dal #ProgettoAMD e sta volta ne ho prenotata una per non ritrovarmi di nuovo nella medesima situazione in futuro, ma trovarne disponibili al prezzo "giusto" è impossibile. Sono tutte prese d'assalto dai "minatori" ma ho beccato una RX 580 8GB su Yeppon a 370€ e l'ho acquistata al volo visto che, se si trova, oggi la si paga circa 100€ in più. Credo comunque fosse la GPU più indicata per fare delle valutazioni su efficienza e stabilità dal momento che è la stessa che ho nell'iMac 5K e potrò confrontare la resa interna ed esterna, ma anche perché è quella scelta da Apple per il kit di sviluppo sulle eGPU. Inoltre ha prestazioni mediocri (almeno per un PC desktop) e quindi sono certo che il taglio a sole 4 linee PCIe dovuto alla Thunderbolt 3 causerà pochissimo spreco.

egpu-notify-high-sierra-beta

Solo da macOS High Sierra 10.13.4 la gestione delle eGPU è diventata semplice

Così è arrivata la scheda, l'ho installata nel box e l'ho collegato al MacBook Pro ma non è successo niente. Ho aspettato, ho riavviato, ho controllato i cavi, riabilitato SIP... niente. Ma come, non doveva essere plug-n-play? Mentre me ne stavo sconfortato in un angolo a mordicchiarmi le unghie, ecco che Apple rilascia la beta di macOS High Sierra 10.13.4 e 9to5Mac ne preannuncia la migliore efficienza con le eGPU. Era da un po' che non installavo versioni beta, ma questa volta non ho potuto esimermi. Dopo l'aggiornamento, in effetti, le cose sono cambiate drasticamente. Partendo da un sistema 100% non modificato, la procedura per far funzionare una eGPU di AMD compatibile è questa:

  • Accendere il computer
  • Collegare la eGPU
  • Eseguire un logout/login
  • Gioire

Devo dire che anche così e con strumenti nativi ho avuto un paio di Kernel Panic nelle varie prove di accensione e collegamento, però nell'uso è risultata davvero molto stabile. Le mie prove sono ormai quasi al termine, per cui pubblicherò tutti i dettagli nel corso della settimana. Ovviamente sto focalizzando l'attenzione all'uso produttivo con monitor interni ed esterni, ma spero di fare qualche rapido test anche per il gaming.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram