MWC 2018: Huawei mostra MateBook X Pro e i tablet MediaPad M5

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Nicolò Dondi, Andrea Montagna.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Proseguono gli annunci dal Mobile World Congress 2018 di Barcellona. Stavolta tocca a Huawei. Il colosso cinese non ha però presentato il P20: quello verrà presentato il 27 marzo a Parigi. Oggi ad avere le luci della ribalta è un nuovo computer portatile di fascia high-end, un altro ambito su cui Huawei si sta muovendo in maniera massiccia. E se si pensava di aver visto il massimo del borderless con la celebre serie XPS di Dell, ecco che arriva il MateBook X Pro a cambiare le carte in tavola.

Ultrasottile (14,6 mm), leggero (1,33 kg) e soprattutto con un ampio schermo. Si tratta di un’unità LTPS multitouch da 13,9” e risoluzione 3000x2000, con un rapporto screen-to-body dichiarato del 91% (per una rapida comparativa, il Dell XPS 13 arriva a 80,7%). Le cornici in effetti sono molto ridotte, fatta giusto una lieve eccezione nella parte bassa dov’è presente il marchio Huawei. Anche i materiali sono molto curati, con una scocca in metallo disponibile nelle tonalità Space Grey e Mystic Silver. Per far fronte allo spessore contenuto, è stato adottato un sistema di raffreddamento ottimizzato, in grado di agire sia passivamente sia attivamente a seconda della necessità.

Avendo accennato al raffreddamento, è ora di parlare dell’hardware sottostante. Due sono le versioni disponibili, con processore Intel Core i5 8250U o i7 8550U. Basati sull’architettura Kaby Lake Refresh, sono entrambi quad-core con HyperThreading e presentano frequenze rispettivamente di 1,6 e 1,8 GHz (turbo fino a 3,4 e 4 GHz). In aggiunta alla grafica integrata UHD 620 è presente pure la dedicata NVIDIA GeForce MX150 con 2 GB di VRAM. Proseguendo il discorso relativo alla memoria, sono inclusi 8 o 16 GB di tipo LPDDR3. L’archiviazione è affidata a SSD NVMe da 256 o 512 GB. Per la connettività wireless troviamo Wi-Fi 802.11ac dual-band MIMO e Bluetooth 4.1, mentre quella cablata è affidata a una porta USB standard, due USB-C (una supporta anche Thunderbolt 3) e al jack cuffie da 3,5 mm. Per la parte audio, troviamo 4 altoparlanti con Dolby Atmos e altrettanto numero di microfoni.

Immagine da Huawei Mobile Italia su Twitter.

Nella prima immagine era ben percettibile un’assenza di peso: la webcam. In realtà c’è: Huawei l’ha inserita in un modo curioso e nel complesso piuttosto interessante. La videocamera è nella tastiera (retroilluminata e resistente ai liquidi), di default non si vede. Risiede sotto un tasto, in posizione centrale tra F6 ed F7. Premendolo, il tasto si alzerà mettendo a disposizione il sensore. Secondo quanto dichiarato dall’azienda non solo consente di risolvere alla radice i problemi di posizionamento che altri produttori di portatili borderless hanno affrontato per mantenerla nella parte superiore del dispositivo, ma abbatte pure qualsiasi rischio relativo alla privacy. A proposito di sicurezza, l'autenticazione è affidata al sensore d’impronte integrato nel pulsante d’accensione e/o al riconoscimento dell'iride.

Per quel che concerne l’aspetto energetico, il MateBook X Pro è dotato di una batteria Li-Po da 57,4 W/h, per la quale Huawei dichiara un’autonomia sino a 12 ore nella riproduzione video, che salgono a 15 se l’uso è prettamente lavorativo e/o di navigazione online. Il sistema operativo preinstallato è Windows 10. Arriverà in varie nazioni, Italia inclusa, a partire dal prossimo trimestre nelle seguenti configurazioni, tutte dotate di GeForce MX150:

  • i5/8 GB/256 GB: 1.499 €
  • i7/8 GB/512 GB: 1.699 €
  • i7/16 GB/512 GB: 1.899 €

Immagine da Huawei Mobile Italia su Twitter.

In aggiunta al MateBook X Pro, Huawei ha anche introdotto tre tablet della serie MediaPad M5. Al di là delle differenze estetiche visibili, le caratteristiche di entrambi sono le medesime fatta eccezione per tre ambiti: lo schermo, rispettivamente 8” e 10,8”, IPS con risoluzione 2560x1600; la batteria, 5.100 mAh sul piccolo e 7.500 mAh sul grande, con supporto alla ricarica rapida; gli altoparlanti realizzati in collaborazione con Harman Kardon, 2 nel modello minore e 4 nel maggiore. Il SoC è il proprietario Kirin 960, coadiuvato da 4 GB di memoria RAM. A seconda della configurazione scelta, lo spazio d’archiviazione ammonta a 32 o 64 GB. La fotocamera principale è da 13 Megapixel, con apertura f/2.2 e autofocus con rilevamento di fase, mentre quella anteriore si ferma a quota 8 Megapixel e ha una focale fissa. Per la connettività troviamo Wi-Fi 802.11ac dual-band e Bluetooth 4.2, con un’opzionale configurazione LTE. Il sistema operativo preinstallato è Android 8.0 con interfaccia EMUI anch’essa in versione 8.0.

Ho parlato però di tre tablet, non due. Ecco qua il terzo: Huawei MediaPad M5 Pro. È una variante del modello da 10,8”, cui aggiunge il pennino M-Pen con 4.096 livelli di pressione esercitabili e la possibilità di utilizzarlo in una modalità desktop attraverso l’inserimento nell’apposita custodia opzionale dotata di tastiera e trackpad. I nuovi MediaPad saranno disponibili a partire da marzo, in tonalità Space Grey. Il modello da 8,4” (dovrebbe trattarsi del Wi-Fi con 64 GB di memoria) costerà 399,99 €; stesso prezzo per quello da 10,8” (ma con 32 GB). Si sale a 449,99 € per la variante LTE di quest’ultimo, mentre ne occorreranno 549,99 per M5 Pro.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.