Presentato un nuovo standard web per i login online tramite sensori biometrici

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Paolo Palumbo, Mauro Vanzelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Nella vita quotidiana ci siamo abituati ad imparare sempre più nomi utenti e password per i tanti servizi online. Per fortuna esistono vari metodi per semplificarci la vita in questo marasma di login: completamento automatico nei browser, gestori di credenziali come 1Password, la modalità Single Sign On che permette con un solo account di raggiungere più servizi. In certi casi viene offerta pure l'opzione del riconoscimento biometrico; ciò tuttavia richiede l'implementazione diretta da parte del singolo servizio o app. Ci sono però buone notizie per utenti e sviluppatori, dato che un nuovo standard web faciliterà parecchio le cose.

Frutto della collaborazione tra l'alleanza FIDO, che già da alcuni anni lavora per migliorare le procedure d'autenticazione, e l'ente World Wide Web Consortium o W3C, questo standard permetterà su tutti i servizi via browser che ne faranno uso di effettuare il login attraverso sensori come quelli di Face ID e Touch ID, rimpiazzando o sostituendo completamente le password. Oltre a ridurre i tempi d'accesso e ridurre i passaggi, tale opzione biometrica garantirà maggiore sicurezza rispetto alle parole chiave convenzionali, sempre soggette a rischi d'intercettazione dai malintenzionati.

Il nuovo standard web è già operativo in Mozilla Firefox, mentre lo sarà in Google Chrome, Microsoft Edge e Opera a partire dai prossimi mesi. Nessun feedback al momento da Apple riguardo l'adozione in Safari, ma considerato che l'azienda di Cupertino nel suo browser ha sinora mostrato tendenzialmente un approccio propositivo verso gli standard online e che andrebbe pure a dare ulteriore risalto ai suoi sensori identificativi è probabile non mancherà all'appello per troppo tempo.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.