Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Alessandro Sandrin, Ing. Alessio Palmieri.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Un po' a sorpresa, è arrivato il nuovo top di gamma della famiglia di smartphone Sony Xperia. Lo XZ2 Premium va a completare la serie di modelli introdotti al MWC 2018 di Barcellona, espandendo sensibilmente varie caratteristiche rispetto all'XZ2 base, con cui condivide il medesimo SoC di punta Qualcomm Snapdragon 845. Le novità più importanti si registrano nel comparto fotografico, già buon punto di forza degli Xperia, ma procediamo con ordine nel vedere quanto offrirà ai potenziali acquirenti questo XZ2 Premium.

Rispetto agli altri due modelli della serie, le cornici anteriori sono un po' più pronunciate e anche lo schermo è tornato al più noto rapporto d'aspetto 16:9. Il display Triluminos da 5,8" mantiene un classico pannello IPS, ma guadagna sensibilmente nella risoluzione, che qui è 4K. È dotato del supporto HDR10 nonché delle tecnologie già presenti in altri flagship Sony come l'X-Ray Engine. La protezione è offerta dal Gorilla Glass 5 di Corning. Gli altri aspetti estetici rimangono invariati, col mix di scocche in vetro e cornici in alluminio nonché il sensore d'impronte digitali posto sul retro. Degna di nota la certificazione IP65/68, proteggendolo sia contro l'ingresso di polvere sia di acqua, anche in caso di brevi immersioni. Anche il peso si fa notare, e parecchio, attestandosi a quota 236 grammi.

Come già anticipato ad inizio articolo, ritroviamo pure qui lo Snapdragon 845, affiancato da 6 GB di memoria RAM e 64 di archiviazione flash, espandibili sino ad ulteriori 400 GB tramite microSD se si sceglierà la versione dual SIM. In questo caso però lo slot per la seconda scheda telefonica sarà utilizzato proprio per la memoria aggiuntiva. La connettività è affidata al supporto 4G LTE fino a 1,2 Gbps, Wi-Fi 802.11ac dual band, Bluetooth 5.0 ed NFC. Anche sul fronte della navigazione satellitare il quadro è praticamente completo potendo usufruire di GPS, GLONASS, Galileo, BDS e QZSS.

Veniamo ora alla fotocamera, ambito dove sono state apportate le migliorie più corpose. Anzi, parliamo di doppia fotocamera: un sensore principale da 19 Megapixel con apertura f/1,8 e uno secondario monocromatico da 13 f/1,6, con autofocus combinato laser e rilevamento di fase, stabilizzazione elettronica coadiuvata a livello hardware dal giroscopio a 5 assi e flash LED bitonale. Sony sfrutta la coppia di sensori soprattutto per offrire valori di sensibilità ISO elevati per il settore smartphone: si parla rispettivamente di ISO 51200 per le foto e 12800 per i video, questi ultimi girabili in 4K HDR con ulteriore possibilità di slow-motion sino a 960 fps se si scende al Full HD. Non mancano ovviamente gli effetti permessi da queste configurazioni doppie, come il bokeh. La fotocamera anteriore è singola da 13 Megapixel, con apertura f/2 e flash dedicato.

Il reparto audio dispone lato cattura di un set di microfoni con cancellazione del rumore, mentre lato riproduzione dispone di altoparlanti stereo S-Force Front Surround con supporto a sorgenti ad alta qualità. Niente jack cuffie da 3,5 mm, la cui funzione viene assorbita in modalità digitale dalla porta USB-C 3.1. La batteria non rimovibile è da 3.540 mAh, con supporto alla ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0 e anche a quella wireless basata sullo standard Qi. Il sistema operativo preinstallato è Android 8.0 Oreo. Xperia XZ2 Premium verrà lanciato in estate nelle colorazioni Chrome Black e Chrome Silver, a prezzi ancora da definire, che presumibilmente saranno allineati a quelli di altri top di gamma rivali.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.