Come inizializzare un disco su macOS con il Terminale quando Utility Disco fallisce

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luca Zeggio, Federico Bruno, Massimo Bau, Fabio Di Rezze, Mario Campo, Giovanni Tonini, Antonello Cattide.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Più passa il tempo e meno utilizzo Utility Disco. Io ci provo ad aprirla ma ho quasi sempre spiacevoli sorprese. Non è mai stata perfetta ma prima dell'aggiornamento dell'interfaccia gli errori erano limitati, oggi mi sembrano la normalità. Uno dei casi in cui fallisce più spesso è quando si deve inizializzare un disco NTFS cambiando file system, poiché puntualmente smonta l'unità, cancella la partizione dati e la ricrea, ma mantiene quella "Reserved" di Microsoft e va in errore. Se vi dovesse capitare una situazione simile con una pennetta o una memoria SD, la soluzione più semplice è SDFormatter, in tutti gli altri casi ci pensa il Terminale.

La cosa comica, se vogliamo, è che richiamando da riga di comando la stessa identica funzione che da UI dà errore va in porto senza problemi. Consiglio infatti di utilizzare Diskutil, che è la controparte da linea di comando dell'omonima app presente in macOS. Il comando list è quello che ci consente di listare tutte le unità, così da identificare quella interessata, mentre per inizializzare si usa eraseDisk. L'immagine qui sopra mostra un esempio concreto di utilizzo del comando, che è strutturato in questo modo: Diskutil eraseDisk (file system) (nome disco) (percorso disco)

Nel mio caso è diventato:

Diskutil eraseDisk JHFS+ Backup /dev/disk2

Spero che il suggerimento vi torni utile, io ormai tendo ad eseguire direttamente l'operazione da Terminale perché sono sicuro che funzionerà al primo colpo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.