Fujifilm presenta la X-T100: sensore bayer, mirino al centro, prezzo contenuto

Fujifilm questa mattina ha presentato una nuova fotocamera mirrorless entry-level per la Serie X. La Fujifilm X-T100 è la prima X-T a non condividere il sensore X-Trans e il processore X-Processor e si pone alla base della gamma con un mix riuscito tra la X-T20 e la X-A2: dalla prima eredita il design e dalla seconda il sensore.

 

Le caratteristiche tecniche vantano il sensore APS-C da 24,2MP con schema Bayer, autofocus a rilevamento di fase con il nuovo algoritmo già utilizzato per i modelli di punta, e registrazione video in 4K, anche se solo a 15fps, oppure FullHD fino a 60 fps. La X-T100 è inoltre dotata di connettività Wi-Fi b/g/n e Bluetooth 4.1, mirino elettronico da 2,36 milioni di punti ed un display con un meccanismo rinnovato, capace di offrire per la prima volta l'inquadratura frontale. Proprio il meccanismo del display è qualcosa su cui poniamo l'attenzione perché probabilmente lo vedremo equipaggiato sulla futura X-T3. Esso, infatti, dispone di una tripla cerniera che gli consente i "classici" movimenti in alto ed in basso, oltre al ribaltamento laterale di 180°: una gradita novità per gli amanti dei selfie e per i vlog.

La Fujifilm X-T100 sarà in vendita dal prossimo mese di giugno con un prezzo al pubblico di 619,99€ per il solo corpo oppure 719,99€ in kit con l'obiettivo zoom compatto XC15-45 OIS PZ.

Massimiliano Latella

Guest Editor - Fotografo matrimonialista, suono il Basso e la tecnologia è il mio leitmotiv.