Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Giacomo Fortunati, Giorgio Gullotti.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

La storia di Google coi podcast è stata un po' complicata. Per qualche tempo aveva un'app denominata Listen, ritirata nell'estate 2012 nel corso di una delle periodiche "purghe" effettuate dall'azienda di Mountain View sui servizi ritenuti più deboli. L'interesse verso il settore è ritornato nel 2016, sotto forma però di una timida integrazione in Play Music. La vera intensificazione è avvenuta negli ultimi mesi, coi podcast che dapprima hanno trovato una casa nell'app principale Google su Android e ora un software tutto dedicato.

Con un aspetto molto simile all'altrettanto recente Google News, sono incluse pressoché tutte le funzionalità di gestione e riproduzione tipiche di questa tipologia di app. Come da tradizione di Big G, però, è la ricerca a costituire il piatto forte e all'interno troviamo più contenuti rispetto ad iTunes, compresi i podcast di Spreaker. A bordo vi è la piena integrazione con Assistant, per trovare i propri podcast preferiti attraverso la voce e sincronizzarli con tutti i propri dispositivi basati sulla piattaforma Google, inclusi ovviamente gli altoparlanti Home. Immancabile la presenza dell'intelligenza artificiale, che studierà i gusti dell'utente proponendo l'ascolto di altri podcast potenzialmente interessanti e tenendo d'occhio l'arrivo di nuove puntate.

In maniera analoga ad altri servizi di podcasting, come quello Apple, il nuovo software di Google sarà in grado di aggiungerli da web ma disporrà a breve di una propria piattaforma per la pubblicazione. In futuro verranno incluse ulteriori funzionalità, sempre col contributo dell'AI, come la sottotitolazione automatica anche in più lingue. Almeno per ora Google Podcast è esclusiva di Android, una delle poche, ma è probabile che si tratti solo di qualche mese al massimo affinché l'app faccia la sua comparsa pure su iOS.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.