WWDC 2018: le novità per watchOS 5 e il prossimo tvOS

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Cesare Munari, Flavio Vallenari, Carlo Rapisarda, Carlo Scian.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Si è da poco concluso il keynote di apertura della conferenza annuale dedicata agli sviluppatori, la WWDC, che in questa edizione 2018 si è tenuta a San Jose, California. Durante il keynote sono stati presentati gli update dei principali sistemi operativi alla base dei prodotti di Cupertino: iOS, macOS, watchOS e tvOS, aggiornamenti che verranno rilasciati il prossimo autunno. In questo articolo riassumiamo le principali novità dei due sistemi minori, watchOS e tvOS.

watchOS 5

Il sistema alla base di Apple Watch giunge alla sua quinta major release e prosegue la sua strada di affinamento lungo due filoni paralleli: fitness e comunicazione.

Per quanto riguarda le feature riguardanti l’attività fisica, troviamo la possibilità di sfidare i propri amici in delle vere e proprie competizioni che possono arrivare a durare un’intera settimana, al termine delle quali verrà decretato il vincitore, ovvero colui che ha svolto più attività fisica. Con il nuovo update, Apple Watch sarà in grado di rilevare automaticamente se abbiamo iniziato a svolgere dell’attività fisica di tipo allenamento, proponendoci di registrarla. Sono state introdotte anche nuove tipologie di allenamento come yoga ed escursione a piedi. Alcune feature saranno invece più apprezzate da chi pratica jogging, come la possibilità di misurare la cadenza (falcate al minuto) e nuovi modi di visualizzare i propri obbiettivi.

 

Passando invece a parlare di connettività, su Apple Watch arriva l’app Podcast, automaticamente sincronizzata con la controparte per iOS e controllabile anche attraverso Siri. Quest’ultima, che su Apple Watch si palesa anche come watchface, ora mostrerà altre informazioni come i risultati degli eventi sportivi e funzionerà anche con app di terze parti. In più, non sarà necessario invocare Siri attraverso il canonico comando vocale “Hey, Siri” ma il movimento del polso diventerà l’unico requisito.

Tra le feature più simpatiche troviamo invece la nuova comunicazione a mo’ di Walkie-Talkie. Ovviamente non si tratta di una comunicazione diretta tra due Apple Watch, ma sempre mediata via server. Tuttavia il risultato simula piuttosto fedelmente quello di un Walkie-Talkie… da polso.

Le notifiche di watchOS 5 guadagnano di interattività, poiché viene permesso agli sviluppatori di integrare pulsanti e richiamare funzioni direttamente da esse. Anche i contenuti web HTML potranno essere renderizzati direttamente sul piccolo schermo, mostrando email più ricche, similmente a quanto avviene sullo smartphone. Come su iOS 12, ora troveremo le notifiche simili tra loro raggruppate in modo da occupare meno spazio.

tvOS

Il nuovo sistema operativo che gira su Apple TV e Apple TV 4K perde del tutto la desinenza numerica, chiamandosi semplicemente tvOS. Non sono molte le novità di questa nuova versione, ma comunque rilevanti da un punto di vista tecnologico.

In primo luogo su Apple TV 4K, dove abbiamo già la compatibilità con lo standard HDR, si aggiungerà il supporto allo standard Dolby Atmos che offre un’esperienza sonora di grande livello, grazie all’audio multicanale ad oggetti. I titoli in 4K HDR già acquistati verranno gratuitamente estesi con l’audio Dolby Atmos, qualora disponibile. Infine è da segnare l’arrivo del supporto alla TV via cavo (in diretta) con diversi partner sia europei che statunitensi. Nessuna menzione per l’Italia. È stata anche riprogettata l’app Apple TV per iOS, che ora permette di navigare attraverso i contenuti direttamente dai dispositivi portatili.

Queste erano le grandi-piccole novità di watchOS 5 e tvOS, funzioni che vedremo arrivare il prossimo autunno insieme a quelle – sicuramente più rilevanti – di iOS 12 e macOS Mojave, di cui potrete leggere in altri articoli dedicati.

Simone Sala

Junior Editor - Appassionato di tecnologia, mi piace analizzarne sia gli aspetti tecnici che i risvolti sociali. Sono curioso per natura e cerco sempre di sperimentare le ultime novità in qualsiasi ambito. Collaboro con SaggiaMente dal 2016.