È colpa del chip T2 se nei MacBook Pro 2018 non c'è più la porta per il recupero dati

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Teresio Demaria, Roberto Di Lonardo, Massimiliano Zullo, Giovanni Corallo, Cristiano Simonella, Rosario Calvagna, Massimo Comar.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

I MacBook Pro 2018 continuano a tenere banco e MacRumors ritorna a parlarne partendo da uno dei rilevamenti emersi nel teardown di iFixit. Smontando il computer ci si è accorti dell'assenza di una particolare porta interna, utilizzata nei modelli 2016 e 2017 dai centri di assistenza per – tendare di – recuperare i dati dagli SSD su schede logiche danneggiate. Grazie ad una Black Box (che vediamo per la prima volta in questa foto di MacRumors) si poteva usare un Mac funzionante ed il software Customer Data Migration Tool per estrarre i dati dai dischi saldati su una logic board da sostituire. Ciò consentiva di riconsegnare ai clienti un computer sostanzialmente nuovo ma con i contenuti del precedente. Allora perché questa porta così utile è stata rimossa nei nuovi MacBook Pro 2018?

La Black Box utilizzata dai centri assistenza Apple in questa foto di MacRumors

In effetti questa era la domanda giusta da farsi e su questo MacRumors ha indagato, contattando molti Apple Authorized Service Providers. La risposta è abbastanza ovvia, in realtà, ma in pochi ci avevano pensato e fatto il classico 2+2. I nuovi MacBook Pro 2018 dispongono del chip T2 già visto sugli iMac Pro (recensione) e che va a sostituire il precedente T1. Questo passaggio di generazioni ha portato diversi miglioramenti ed uno di questi è che ora il disco di boot, la sua crittografia ed anche il RAID sull'iMac Pro sono gestiti direttamente dal componente ARM "estraneo" all'hardware principale. Ciò significa che, in caso di rottura della scheda logica, i dati risultano inservibili poiché la crittografia è "blindata" nella Secure Enclave del chip T2.

La porta interna dei MacBook Pro 2016 e 2017 che usavano i centri assistenza per recuperare i dati

A quanto pare Apple e i centri assistenza saranno indirizzati a consigliare sempre più ai propri clienti di effettuare continui backup di Time Machine perché potrebbe essere l'unico modo per riavere i propri dati aggiornati nel caso si verificasse uno sciagurato evento critico sul computer. Evento che, per la verità, non deve necessariamente essere così catastrofico visto che i pezzi di ricambio vengono spesso sostituiti in blocco con il top case.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.