Apple al Congresso USA: i server non sono stati sabotati dal chip cinese

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luciano Meringolo, Daniele Mora.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

La vicenda sollevata da Bloomberg Businessweek sulla presenza di un chip realizzato da gruppi militari cinesi nelle schede madri dei server Supermicro e in grado di aprire backdoor per intercettare il traffico dati sta avendo i suoi primi strascichi: ieri il Vice Presidente di Apple per la Sicurezza delle Informazioni ha inviato una lettera ufficiale al Congresso degli Stati Uniti, con la quale sostiene che i server della società non sono stati oggetto del sabotaggio.

Nella sua missiva, George Stathakopoulos sottolinea come i tool di sicurezza proprietari di Apple effettuano la scansione continua del traffico di rete, di modo da rilevare la presenza di eventuali scambi di dati anomali che indicherebbero la presenza di malware o altre attività malevole. I risultati sono sempre stati negativi, tanto che il VP chiosa con un laconico "Nothing was ever found", ossia "Non è mai stato trovato nulla".

Tanto il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale americano tanto il Garante per le Comunicazioni inglese dubitano dell'aderenza al vero di quanto affermato da Bloomberg che, ricordo, sostiene di aver istruito l'inchiesta in un anno di lavoro e con il contributo di 17 informatori, tra cui alcuni dipendenti di Apple. Tutto fa protendere per un clamoroso errore della testata, come prevedibile, ma vedremo come si svilupperà la questione nei prossimi giorni, qualora dovessero intervenire le Autorità inquirenti.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.