Razer Phone 2: il gaming tascabile si rinnova

In quest'anno di brutte copie in salsa notch, trovare degli smartphone capaci di mantenere una propria identità è sempre più difficile. Rientra in questa stretta cerchia il Razer Phone 2, la seconda generazione dello smartphone da gaming progettato dalla casa del serpente a tre teste. In questo aggiornamento sono stati rivisti molti aspetti per migliorarne le qualità ma il design rimane immutato, con la sua caratteristica forma a mattonella.

Iniziando dall'esterno, il fronte mostra uno schermo LCD IGZO da 5,72" in 16:9 (2560 x 1440 pixel) con l'impressionante frequenza di refresh di 120Hz e con copertura Gorilla Glass 5. Ai lati due speaker stereo comandati dal DAC 24-bit e con pieno supporto per Dolby Atmos. Questi pare non abbiano perso quasi nulla rispetto al modello precedente, pur essendo state aggiunge numerose guarnizioni sul nuovo modello per ottenere la certificazione IP67.

Spostiamoci dunque sul retro, dove si concentrano la maggior parte dei cambiamenti visibili. È tutto nuovo il materiale, che ora è vetro per garantire la funzionalità wireless Qi, sempre più apprezzata e diffusa oggigiorno. In fase d'ordine si potrà anche scegliere il vetro satinato nella variante da 128GB, ma non al momento del lancio. Ci sono poi le due fotocamere con sensori Sony, entrambe da 12MP, una grandangolare con obiettivo F1.75 e l'altra tele con apertura più contenuta di F2.6, che dovrebbero offrire un netto miglioramento rispetto al passato. Infine, non si può certo non notare il logo con illuminazione RGB.

Tamarro quanto basta per essere affascinante, il logo così concepito ha anche una funzionalità pratica, dal momento che si possono creare dei preset ed utilizzare gli effetti cromatici per le notifiche. Su lato piatto si mantiene il pulsante di accensione con riconoscimento dell'impronta, in stile Sony Xperia per intenderci. Dentro il Razer Phone 2 troviamo uno Snapdragon 845, mantenuto al fresco grazie ad un sistema personalizzato di dissipazione che garantisce la possibilità si sfruttare le performance al massimo senza subire i problemi dovuti al surriscaldamento. 8GB la quantità di RAM LPDDR4X e 64GB di storage di base, ovviamente UFS, espandibili con microSD.

Per quanto in controtendenza, la scelta di uno schermo LCD risulta la più indicata per offrire la migliore esperienza in ambito gaming visto il più elevato refresh rate. Lo schermo è stato anche reso più luminoso del 50% e supporta i contenuti in HDR. Le specifiche sono molto interessanti anche in ambito multimedia, sia per l'ottima resa dell'audio che per il rinnovato comparto fotografico. Importante la batteria da 4000 mAh, che ora supporta sia la Quick Charge 4.0+ che la ricarica wireless, e completo tutto il settore connessioni, che comprende il Wi-Fi ac (MIMO 2x2), Bluetooth 5.0 e porta USB-C (utilizzato anche per l'audio visto che manca la porta da 3,5mm).

Hardware da top di gamma, design coerente (senza notch) e specifiche tecniche mirate ad ottenere la migliore esperienza di gaming possibile. Il Razer Phone 2 va per la sua strada anche se significa fare scelte difficili, perché sa che il suo target di riferimento le saprà apprezzare. E come top di gamma mantiene un prezzo davvero valido visto che parte da $799 in USA. In Italia la distribuzione sarà come sempre trascurata, ma vediamo che il prezzo per la Germania è di 849€.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.