Apple avrebbe ordinato 400.000 display ad LG per gli iPhone XS

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mattia Bacarella, Eric Festa.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Forse non tutti sanno che (era una vita che volevo iniziare un articolo con queste parole) LG deve la sua fortuna in ambito TV OLED a Kodak. Nel 2009 ha infatti comprato da quest'ultima l'intera divisione ed i brevetti relativi all'omonima tecnologia con diodi organici ad emissione di luce. Diversi studi affermano che oggi chi spende molto per un TV "di lusso" compra un OLED ed LG è quella che più di tutti ci ha creduto, investendo grandi risorse per affinare il processo produttivo e rendere possibile la realizzazione di pannelli di grandi dimensioni. Samsung non è ancora entrata in competizione nel settore, puntando al miglioramento degli LCD con buoni risultati, ritenendo che l'OLED presenti anche degli svantaggi in termini di luminosità e longevità (cosa parzialmente vera).

In campo smartphone, però, dove si utilizzano pannelli più piccoli e con densità maggiore, la situazione è diametralmente opposta. Qui è Samsung ad aver investito di più e ad avere un quasi monopolio del settore. LG ha tentato di rientrare in corsa quest'anno, ma ha avuto diverse difficoltà che hanno reso impossibile offrirsi come fornitore alternativo per gli iPhone XS (recensione), lasciando alla rivale l'intero business e grandi ricavi. Già dall'anno scorso è Samsung che produce gli schermi OLED degli iPhone, ma li fa pagare molto cari ad Apple, forte della sua sostanziale esclusività. Circa a metà del 2018, LG è comunque riuscita a superare i rigidi controlli di qualità dell'azienda di Cupertino sui pannelli e, stando a quanto emerso oggi, avrebbe spuntato un contratto di fornitura con per 400.000 display.

Se l'informazione si rivelerà affidabile, gli iPhone XS prodotti nei prossimi mesi (presumibilmente dal 2019) potrebbero utilizzare indistintamente pannelli Samsung o LG, dato che quest'ultima non sarebbe comunque in grado di garantire la produzione per soddisfare l'intera richiesta. Tuttavia l'ingresso di un nuovo competitor dovrebbe giovare al mercato b2b, dando la possibilità ad Apple di contrattare dei prezzi migliori, cosa che finora era impossibile dato che il fornitore era uno ed uno solo. Difficilmente questo rappresenterà un vantaggio per l'utente, sia perché non si avrà di sicuro una riduzione del prezzo di vendita, sia perché potrebbe capitare l'uno o l'altro schermo ma non è detto che la qualità si rilevi del tutto sovrapponibile. In passato è successo più di una volta che fornitori diversi abbiano portato a disparità di prestazioni, penso ad esempio agli SSD di Toshiba, Samsung e SanDisk, ma anche agli schermi di Sharp, LG e Samsung. Aspettiamo quindi di saperne di più e, ovviamente, vi terremo aggiornati.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.