iCloud è al momento incompatibile con Windows 10 October 2018 Update, fix in arrivo

Non saranno i suoi prodotti più famosi, anzi cerca di nasconderli quasi come fossero un'onta, ma Apple realizza alcuni software anche per Windows. Due in particolare, iTunes e iCloud. Di acqua sotto i ponti n'è passata da quando Jobs definì il player musicale su Windows un bicchiere d'acqua ghiacciata all'inferno, e il settore è profondamente mutato, ma almeno lato desktop il sistema operativo Microsoft resta una piattaforma imprescindibile e troppo ampia da trascurare persino per Apple. Nuove versioni ed eventuali problematiche dei software di Cupertino per Windows non fanno spesso notizia, ma alcuni fatti prendono necessariamente la ribalta. È il caso di iCloud, che sta creando grattacapi ad alcuni utenti negli ultimi tempi.

Il cosiddetto October 2018 Update di Windows 10 sembra essere piuttosto sfortunato, dapprima per problemi interni che ne hanno ritardato la distribuzione pubblica addirittura fino alla scorsa settimana, dunque novembre inoltrato, ora per cause esterne. Come riporta un articolo del Supporto Microsoft, in presenza di iCloud installato anche nella sua versione più recente, 7.7.0.27 il nuovo aggiornamento major viene bloccato a causa dell'incompatibilità del servizio Apple. Se si procede manualmente all'installazione dell'upgrade in seguito possono verificarsi problemi di sincronizzazione per gli album condivisi e se si tenta la reinstallazione del client iCloud un messaggio d'errore, come quello sottostante proveniente da 9to5Mac, segnalerà che la compatibilità si ferma attualmente all'April 2018 Update di Windows 10. Apple e Microsoft sono al lavoro su una soluzione, che senz'altro non tarderà troppo ad arrivare vista la grossa platea d'utenza potenzialmente coinvolta.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.