Otto app per Android hanno abusato dei permessi forniti dagli utenti

E niente, bisogna entrare nell'ottica di idee che i nostri dati personali sono sempre più a rischio e prima di mettere anche solo la nostra vera email o la data di nascita in qualche form, dovremmo pensarci due volte. Per non parlare degli accessi effettuati per tramite di Facebook Login o altri sistemi analoghi. BuzzFeed ha reso note 8 app per Android che dopo aver ottenuto le tradizionali autorizzazioni dagli utenti all'avvio, le hanno usate per fini pubblicitari illeciti.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.