Samsung potrebbe già aver fornito ad Apple gli schermi per un iPhone X Fold

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Giovanni Tonini, Francesco De Felice, Massimo Bau, Federico Bruno, Stefano Collenghi, Carlo Fedeli, Davide Dari.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il mercato degli smartfold ancora non esiste ma già fa discutere. Pochi giorni fa è circolata la voce secondo cui Samsung non avrebbe fornito i display OLED flessibili ad Apple per evitare concorrenza al suo Galaxy Fold, ma oggi arrivano informazioni contrastanti. L'azienda coreana è l'unica con le risorse sufficienti a garantire una produzione tale da soddisfare le tradizionalmente elevate richieste di un partner come Apple, ma sembrava sensato che volesse sfruttare questa sua posizione dominante sul mercato per evitare la nascita di concorrenti al suo neonato dispositivo. Tuttavia in passato ha guadagnato di più vendendo gli schermi per gli iPhone che non dalla sua intera linea di smartphone, per questo l'interesse a che Apple metta in commercio un proprio dispositivo con schermo pieghevole è molto più elevato di quanto si possa immaginare.

Non stupisce dunque che MacRumors abbia localizzato un report dalla Cina secondo cui Samsung avrebbe già fornito ad Apple alcuni esemplari di schermi OLED flessibili, affinché possa studiare la fattibilità di un proprio device concorrente. Pare che anche Google abbia ricevuto lo stesso trattamento, con una fornitura da campionario di pannelli da 7,2" con il formato squadrato che attualmente caratterizza questi smartphone da aperti. La prospettiva di vedere dei Pixel e degli iPhone pieghevoli potrebbe essere più concreta di quanto immaginassimo e, soprattutto, non molto lontana.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.