Google I/O 2019: Pixel 3a e 3a XL, il meglio degli smartphone di Big G a prezzi modici

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mario Marino, Alessandro Lazzarini.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Non solo software, ma anche hardware, come abbiamo già accennato nell'altro post di poco fa. Google ha deciso infatti di espandere la famiglia Pixel verso il basso, o meglio, verso il medio. Perché Pixel 3a e la sua variante XL si rivolgono espressamente alla fascia media di mercato. Con un aspetto molto simile alla versione "premium" del Pixel 3, ne offrono gran parte delle caratteristiche con poche rinunce.

La scocca perde molto del vetro dei top di gamma, ma presenta comunque un gradevole policarbonato unibody; probabilmente si sentirà di più l'assenza della certificazione IP contro acqua e polveri. Lo schermo è OLED per entrambi i dispositivi: 5,6" nel caso del 3a, 6" per 3a XL, con risoluzione Full HD+. Sui bordi attorno sono collocati i sensori di pressione Active Edge, a cui si possono associare diverse funzionalità e scorciatoie rapide. Dentro, lo Snapdragon 845 dei fratelli maggiori lascia qui il passo al meno esuberante 670, in ogni caso più che sufficiente per le operazioni quotidiane, coadiuvato da 4 GB di memoria RAM e 64 GB per l'archiviazione interna.

Il comparto fotografico, fatta eccezione per l'assenza del coprocessore Pixel Visual Core (le cui funzioni verranno svolte dal SoC), ha invece scalato molto bene le fasce di mercato. La fotocamera posteriore principale è da 12 Megapixel con apertura f/1,8, dimensione dei pixel 1,4 μm, doppio autofocus con rilevamento di fase e modalità Dual Pixel, stabilizzazione combinata ottica ed elettronica, flash a doppia tonalità e registrazione video 4K a 30 fps. Tutte le funzionalità software che contraddistinguono la serie Pixel arrivano anche qui, con l'aggiunta della modalità Timelapse (in arrivo anche sugli altri modelli). Anteriormente, si trova un solo sensore da 8 Megapixel invece che due, come nel caso dei Pixel di fascia alta. Completano il tutto sensore d'impronte posto sul retro, LTE, Wi-Fi dual-band 802.11ac, Bluetooth 5.0, NFC e navigazione satellitare. Curiosa la presenza del jack cuffie da 3,5 mm, non presente invece sui prodotti superiori. La batteria, infine, è da 3000 mAh per il Pixel 3a e 3700 mAh per 3a XL, con supporto alla ricarica rapida ma non anche a quella wireless.

I nuovi Pixel sono disponibili sul Google Store anche in Italia, nelle tonalità nero, bianco e viola, con prezzi estremamente interessanti visto il buon pacchetto proposto, abbinato ad Android Pie (presto Q) come pensato da Mountain View senza personalizzazioni esterne. Il 3a costa 399 €, che salgono a 479 per salire alla variante XL, un supplemento onesto considerato che oltre ad uno schermo leggermente maggiore si ottengono anche 700 mAh in più di batteria che male non fanno. Come ulteriore incentivo, con l'acquisto di uno dei dispositivi viene regalato un Google Home Mini, inserendo entrambi i prodotti nel carrello dello Store.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.