Huawei assicura supporto e aggiornamenti per tutti gli smartphone già venduti o in vendita

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Alberto Zamboni, Nardi Luigi Filippo, Simone Pignatti, Marco Moretti, Maurizio Bergo, Daniele Mora, Michele Sartori.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Dopo il ban imposto dal Governo statunitense nei confronti di Huawei, Google, Intel e Qualcomm hanno già dichiarato di aver interrotto i propri rapporti commerciali e tecnologici con l'azienda cinese. La notizia è ancora fresca ed è chiaro che tutte le aziende coinvolte non hanno ancora un progetto preciso per affrontare questa emergenza, ma continuano a susseguirsi dichiarazioni ottimistiche al fine di tranquillizzare il mercato e la clientela.

Il problema più imminente è quello relativo ad Android, il sistema operativo che Huawei utilizza per i propri smartphone. La componente open-source alla base è accessibile anche all'azienda cinese, che come chiunque altro potrebbe realizzare un proprio fork (strada scelta ad esempio da Amazon con Fire OS). Tuttavia si perderebbe l'integrazione nativa con i servizi di Google, tra cui anche lo store di applicazioni. Huawei ha certamente le forze per correre ai ripari con soluzioni alternative fatte in casa o ponti di collegamento più o meno legittimi con l'ecosistema precedente, ma si tratterebbe comunque di un colpo pesante sia per lei che per i suoi clienti.

Nessuno ha davvero interesse a che si arrivi ad uno scenario simile, per cui speriamo che il braccio di ferro si concluda in modo positivo per quella che è una delle più importanti aziende produttrici di smartphone (con molti affezionati utenti in tutto il mondo), che si è dimostrata anche capace di sfornare ottimi portatili. Nel frattempo Huawei ha diramato un comunicato stampa in cui chiarisce che vi sarà un completo supporto sia sugli smartphone già venduti che su quelli attualmente in vendita nei negozi.

Huawei has made substantial contributions to the development and growth of Android around the world. As one of Android’s key global partners, we have worked closely with their open-source platform to develop an ecosystem that has benefitted both users and the industry. Huawei will continue to provide security updates and after sales services to all existing Huawei and Honor smartphone and tablet products covering those have been sold or still in stock globally. We will continue to build a safe and sustainable software ecosystem, in order to provide the best experience for all users globally.

Probabilmente dovranno intensificare il loro lavoro senza un supporto diretto di BigG, tuttavia la stessa Google su Twitter ha detto qualcosa di molto simile tramite l'account @Android. Pare dunque che sia l'accesso al Play Store che agli aggiornamenti di sistema saranno garantiti per tutti gli smartphone già prodotti. Rimane ancora da capire cosa succederà in futuro.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.