Schermi OLED per i prossimi iPad Pro 11" e MacBook Pro 16,5"

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Nicola Modugno, Emanuele Beffa.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Apple ha atteso tanto prima di passare agli schermi OLED su iPhone ma alla fine abbiamo apprezzato molto il cambiamento. Aspettare è servito affinché si arrivasse a pannelli davvero convincenti in termini di resa cromatica ma non ha aiutato sul fronte dei costi, poiché quel tipo di pannelli vengono ancora oggi fatti pagare a caro prezzo dai pochi produttori capaci di realizzarli. Nello specifico è stata Samsung a vincere la fornitura per iPhone X e il termine "vincita" è proprio indicato visto che ci ha guadagnato così tanto da superare con questa commessa i ricavi ottenuti dalla linea Galaxy.

Che gli schermi OLED abbiano dei vantaggi è chiaro, ma i possessori di iPhone XR sanno che  in fin dei conti si vive benissimo anche con gli LCD/IPS. Inoltre pareva si stesse lavorando molto bene sul fronte dei MicroLED per creare una next-gen di pannelli che unisse i vantaggi di entrambe le tecnologie. In un certo senso ci sta provando anche la stessa Samsung in ambito TV con i QLED ma la verità è che, per ora, l'esperienza di visione dei buoni OLED è da molti considerata migliore (al netto dei possibili problemi di burn-in o luminosità).

Ecco perché non sembra per nulla campato in aria il rumor che arriva dall'oriente ed è stato riportato da RedmondPie, che vede Apple interessata ad ottenere da Samsung dei pannelli OLED di ampio formato da utilizzare in alcuni prossimi dispositivi. Ad essere interessati da questo upgrade sarebbero gli iPad Pro 11" di prossima generazione e probabilmente anche il MacBook Pro 16,5" di cui si parla da qualche tempo e che pare sia slittato al 2021.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.