Il Q3 2019 di Apple: due segni negativi per uno positivo

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Dario Zaini, Gregorio Seidita, Fabio Vignaroli, Claudio Orler, Guido Lanzafame, Massimiliano Zullo, Teresio Demaria.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

La precedente trimestrale di Apple relativa al Q2 2019 ci ha presentato un'azienda molto diversa dal passato, sempre meno iPhone centrica e più indirizzata su un ecosistema di prodotti e servizi. I nuovi risultati di ieri confermano questo trend e vedono un fatturato di 53,8 miliardi di dollari, di poco superiore a quello di 53,3 del Q3 dello scorso anno. L'azienda è rimasta quindi stazionaria e per le logiche che governano il mercato questo è un dato tendenzialmente negativo. Negativo è anche il -11,82% di ricavi per l'iPhone, anche se non sappiamo esattamente come si traduca in numeri dato che non vengono più resi noti ormai da qualche tempo. La cosa particolare di questi due aspetti negativi è che, insieme, ci danno invece un'informazione positiva circa lo stato di salute dell'azienda di Cupertino.

Fino a pochissimi anni fa le casse di Apple erano sostenute quasi esclusivamente dall'iPhone, che invece oggi rappresenta meno del 50% dei guadagni. È sempre lui il pezzo grosso in casa, ma non era così scontato che si sarebbero riusciti a mantenere questi numeri con il netto – ed ampiamente previsto – calo di vendite del settore smartphone. Per riuscirci si sono dovute incrementare tutte le altre attività ed è interessante notare che dopo anni di contrazione, i tablet di Apple stiano davvero vivendo un ottimo momento. Non siamo ai livelli del +17% registrato nel Q1 2019, ma c'è comunque un positivo +8% per gli iPad che potrebbe anche migliorare entro la fin dell'anno con l'arrivo di iPadOS (previsto per questo autunno). Ancora in positivo i computer, con un +11% per i Mac, vicini ad un sostanziale boost per i Servizi a +13%. Anche quest'ultimo dato si appresta a migliorare in futuro con l'attivazione dei nuovi servizi come Apple TV+ ed Apple Arcade. Durante la call con gli azionisti, Tim Cook ha anche confermato l'arrivo di Apple Card in agosto, i cui ricavi andranno pure a sommarsi nel sempre più vasto ambito dei servizi.

L'incremento più sostanzioso è il +48% di Altro – che onestamente Apple potrebbe iniziare a pensare di suddividere in sotto sezioni. Qui dentro si trovano infatti Apple TV, AirPods, Apple Watch, accessori ed altro, prodotti che vivono di cicli molto diversi tra loro e il cui apporto diventa più difficile da valutare in una visione d'insieme. In tutti i casi il dato è molto positivo, ha persino superato il +33% del Q1 2019, dopo un leggero rallentamento (+30%) nel Q2. Insomma, quella che si vede è una Apple più stabile e con un fatturato variegato, in cui le contrazioni di una categoria possono essere più facilmente bilanciate dai picchi delle altre. Una squadra composta di tanti buoni elementi in cui il campione rimane sempre l'iPhone ma si inizia ad intravedere un futuro prossimo in cui potrebbe non essere più così indispensabile.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.