Canon presenta la reflex EOS 90D e la mirrorless M6 Mark II: gemelle diverse

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Nardi Luigi Filippo, Roberto Pinna, Vincenzo Lapenta, Giacomo Tacconi, Michele Sartori, Roberto Vazzoler, Fabrizio Calabrese.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Giornata densa di novità quella odierna, con Canon che ha sfornato anche due nuove fotocamere: una mirrorless ed una reflex. Queste condividono moltissime specifiche tecniche, salvo poi differenziarsi per alcune altre, ma di base sia la nuova EOS 90D che la M6 II hanno un sensore APS-C da 32.5MP, processore DIGIC 8, Dual Pixel CMOS AF (per la 90D solo in Live View, chiaramente), un solo slot SD e range di sensibilità fino a 25600 ISO. C'è anche il video 4K senza crop ma solo a 25/30fps, quindi senza la modalità a 24fps che è lo standard nel cinema ed è anche molto utile nei paesi in cui si utilizza NTSC per distaccarsi dall'effetto televisivo (maggiori informazioni sul framerate).


La EOS 90D è l'erede naturale della 80D e potrebbe avere la responsabilità di sopperire in futuro pure alla serie 7D, dato che con lo spostamento su mirrorless non è certo, almeno per me, che vi sarà un ulteriore modello a sostituire l'attuale Mark II (recensione). Tra le sue funzioni esclusive si nota l'otturatore meccanico fino a 1/8000 e la buona raffica da 10 fps con autofocus, mentre è inedita la presenza del face ed eye tracking per una reflex, anche se chiaramente richiederà il live view per funzionare, trasformandosi quindi in una sorta di mirrorless. Il corpo è in alluminio ed è tropicalizzato, il mirino è un pentaprisma con ingrandimento da 0.95x e lo schermo da 3" con 1 milione di punti è touch e completamente articolato. L'autonomia è data per 1300 scatti in standard CIPA e la disponibilità è prevista per fine settembre con un prezzo di listino di $1199 (ancora non ci sono stati comunicati quelli in Euro).

La M6 Mark II è una mirrorlesss con innesto M, per il quale ricordo che Sigma ha da poco annunciato l'arrivo di alcuni obiettivi fissi interessanti che copriranno l'attuale carenza del sistema. A parte le caratteristiche comuni, qui abbiamo un mirino EVF che si può opzionalmente collegare sulla slitta a caldo, dimensioni molto più compatte ed uno schermo che si inclina verso il basso o verso l'alto a 180°. Entrambe le fotocamere dispongono di Wi-Fi e Bluetooth e della possibilità di carica via USB-C ma la M6 ha un'autonomia notevolmente inferiore con i suoi 305 scatti. La disponibilità prevista è sempre per fine settembre al prezzo di $850.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.