L'assistenza Apple è ancora la migliore nel 2019?

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Simone Salucci, Antonio D'Agostino, Lorenzo Salomone, Alessandro Gambogi, Cosimo Talò, Ivan Vannicelli, Andrea Magnoli, Matteo Nascimben, Paolo Cinalli, Enrico Carangi, Mauro Vanzelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

L'assistenza Apple è una delle migliori al mondo, eppure non sempre fila tutto liscio. Anche se in numero molto ridotto, ci sono stati utenti che mi hanno riportato delle disavventure incresciose e i dispositivi sono di ottima qualità ma non certamente perfetti. Abbiamo avuto iMac con schermi che ingiallivano e GPU che si bruciavano, portatili con problemi analoghi, tastiere che si inceppano, cavi dei display che si rompono, senza considerare i vari "gate" degli iPhone, tra cui quello del 6 che era così sottile e leggero da piegarsi. Dal canto mio problemi reali non ne ho mai avuti, però va detto che la maggior parte dei prodotti li ho tenuti per un tempo relativamente ridotto, tale da non raggiungere neanche la scadenza della garanzia. E quelli che invece possiedo da più tempo, per fortuna, funzionano benissimo (e qui sto facendo scongiuri di ogni tipo...).

Tutto questo valeva però fino al mese scorso, poiché a luglio mi si sono presentati due problemi davvero fastidiosi, uno con un MacBook Pro 15" 2016 ed un altro con iPhone XS Max. Alla fine si sono risolti tutti e due, ma non è stato semplice. Ho dovuto insistere parecchio con l'assistenza telefonica fino ad ottenere una escalation che mi ha portato a discutere con un reparto specializzato in customer care che ha compreso le mie ragioni ed ha poi risolto ogni problema. Tutti i dettagli e le relative conclusioni nell'ultimo video pubblicato sul nostro nuovo canale YouTube (che poi è quello vecchio, ma abbiamo ripreso ad usarlo e vi invito a cliccare sulla campanella per attivare le notifiche).

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram