Il fondatore di Wunderlist vorrebbe ricomprarla da Microsoft

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Maurizio Bigalli, Matteo Nascimben.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Circa 3 anni fa ho pubblicato la guida Vivere Cross-Platform nella quale elencavo i servizi e le app che usavo per essere indipendente dal sistema operativo ed avere accesso ai dati e ad una esperienza d'suo coerente su iOS, Android, macOS e in alcuni casi anche Windows. L'ho rivista oggi e tranne il fatto che non uso più Evernote il resto non è cambiato poi molto. Sfrutto ancora tanto Wunderlist, app che Microsoft ha acquistato nel 2015 per realizzare il suo To-Do ma ancora oggi non ha tutte le funzioni dell'originale. Ecco perché si possono scaricare entrambe e molti preferiscono Wunderlist, che ha pure un rating superiore nell'App Store. Il piano di Redmond sarebbe quello di mandare definitivamente in pensione il vecchio progetto quando tutte le funzioni saranno ripristinate, con migrazione sul suo cloud Azure di tutte le API, ma questo futuro non sembra piacere a molti.

Christian Reber, fondatore di Wunderlist, si espresso pubblicamente sulla vicenda pubblicando un post su Twitter in cui si propone di ricomprare la sua creatura, invitando Microsoft a continuare i lavori su To-Do. "Sono serio" – sottolinea – menzionando sia il CEO Satya Nadella che Marcus Ash, manager che si occupa del progetto in Microsoft. La comunicazione a mezzo social è chiaramente un pungolo per la comunità che apprezza Wunderlist, difatti il messaggio ha già ottenuto più di 2000 mi piace e oltre 500 retweet, ma è un'arma a doppio taglio, non proprio corretta per la controparte. A me piacerebbe che l'app continuasse a vivere con nuovi aggiornamenti, ma provo a mettermi nei panni di Microsoft che vede un Reber pentito della sua decisione del 2015 e che ora vuole metterla nella scomoda posizione di dover dire di no. Stando così le cose mi pare difficile che la vicenda possa prendere una piega positiva, probabilmente ormai è semplicemente troppo tardi.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.