iPhone 11, nessuna possibilità di ricarica inversa: non è presente l'hardware necessario

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Federico Tonello, Andrea Montagna.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Cambio repentino sulla questione della ricarica inversa. Come riportavamo una decina di giorni fa, in base alle informazioni di un noto leaker, Sonny Dickson, la funzionalità sembrava essere presente nei nuovi iPhone 11 e 11 Pro ma disabilitata lato software, non avendo soddisfatto pienamente le aspettative di Apple durante lo sviluppo. Ciò presagiva tuttavia ad un possibile sblocco qualora le prove interne avessero dimostrato risultati migliori con accorgimenti nel software. Ad onor del vero, Dickson affermava di non essere sicuro che la circuiteria adatta fosse presente nelle unità di produzione, tuttavia sembrava poco plausibile una sua rimozione a così poco tempo dall'ingresso in commercio.

Il teardown condotto da iFixit su iPhone 11 Pro Max aveva fatto emergere la presenza di due connettori per la batteria collegati proprio ai chip legati alla ricarica ad induzione. Nelle prove, scollegando il cavo già collegato risultava possibile ricaricare la batteria solo attraverso il cavo Lightning, mentre connettendo entrambi veniva mostrato a schermo un messaggio riguardante il raggiungimento di temperature elevate. Una situazione che sosteneva la teoria del supporto dormiente per la ricarica bilaterale, con la capacità di ricevere e dare energia. L'ipotesi è stata poi contestata da Rene Ritchie di iMore, che in base alle sue fonti ha negato categoricamente la presenza di tale feature, asserendo che non fosse previsto per l'inclusione nei modelli di produzione:

La stessa iFixit ha poi corroborato tale scenario smontando un iPhone 11 normale. Infatti, il secondo connettore rinvenuto nell'altro modello non è presente qui. Perché il ritrovamento di alcuni giorni fa, allora? Plausibile pensare che, quantomeno sui Pro, era già stato effettuato un minimo di predisposizione, sfociato in un connettore ridondante. Non si può nemmeno escludere che l'esemplare smontato da iFixit appartenga ad uno stadio di produzione iniziale, dove non tutti i componenti non necessari erano stati rimossi, mentre l'iPhone 11 su cui hanno messo le mani nelle scorse ore è stato prodotto più di recente. Solo congetture, queste, ma una cosa è certa: a parte l'incremento di capacità delle batteria e un nuovo sistema di gestione, la ricarica inversa non è presente né potrà mai essere abilitata sulla generazione appena lanciata.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.