La beta interna di iOS 13 svela ulteriori indizi sulla realtà aumentata e sulla modalità scuola per Apple Watch

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Guido Lanzafame, Roberto Di Lonardo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Mancano sei giorni al keynote di presentazione dei nuovi iPhone 11 e del nuovo Apple Watch e l'hype che inevitabilmente si crea attorno ai nuovi dispositivi cresce sempre un po' di più grazie anche al lavoro svolto da MacRumors. Infatti, il noto blog americano sta analizzando da qualche giorno una beta interna ad Apple di iOS 13 (risalente al mese di giugno), scovando alcune succose novità: s'è già parlato della nuova funzione di tracciamento del sonno di watchOS 6, sistema operativo che introdurrà anche una nuova modalità denominata Schooltime per bloccare le notifiche e l'accesso alle app durante l'orario scolastico. Gli studenti, quindi potranno concentrarsi di più sulle lezioni e non potranno più copiare o aiutarsi fra loro durante lo svolgimento dei compiti in classe. Ovviamente, le chiamate di emergenza o verso alcuni numeri, come quelli dei genitori, non saranno affette dal blocco.

Le novità, ovviamente, non si fermano allo smartwatch: Game Center dovrebbe guadagnare di qui al prossimo futuro una nuova funzionalità che consente di organizzare tornei fra amici, mentre l'app Fotocamera avrà una nuova funzione (così come già anticipato da Gurman) per lo scatto in condizioni di scarsa luminosità ambientale.

Siamo già a conoscenza  dell'interesse di Apple per gli smart tracker, ossia per quei dispositivi che consentono di ritrovare facilmente gli oggetti a cui sono attaccati tramite il proprio smartphone. Analizzando l'app Dov'è (che sostituirà Trova il mio iPhone), MacRumors ha scovato due icone che rappresentano un visore per la realtà virtuale e che dovrebbero servire a attivare la modalità di ricerca visiva degli oggetti: puntando lo smartphone verso il tracker, apparirà sul suo schermo un'icona per segnalarne la presenza. Visto che i due file contengono all'interno del loro nome la sigla "B389", la stessa del nuovo dispositivo, è lecito attendersi che la loro funzione non dovrebbe discostarsi troppo da quella appena descritta.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.