iPad Pro può che far girare Leopard senza jailbreak con QEMU

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Michele Sartori, Luigi Carlo Vasi, Fabrizio Calabrese, Daniele Mora, Davide Monti, Salvatore Coppola.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il limite fissato da Apple che divide l'iPad Pro da un MacBook è principalmente uno: il sistema operativo. Certo ci sono numerose differenze sul fronte hardware, tra cui la più nota risiede nell'architettura del processore, ma in termini di prestazioni ormai il tablet non ha nulla da temere. Al contrario: supera persino molti portatili e non ha bisogno di un sistema di dissipazione del calore. Da qui tutte le speculazioni sul possibile arrivo di un Mac basato su un SoC ARM, di cui ho discusso in questo video.

Al netto della necessità di realizzare un ponte tra i due ambienti, le capacità hardware dell'iPad Pro rimangono nettamente superiori a quelle delle macchine basate su Intel con medesimi consumi. Al punto che anche con emulatori software (notoriamente lenti) sono riusciti a far girare su iOS un sistema operativo desktop come OS X Leopard. Il tutto è stato realizzato tramite QEMU, un'app open source installabile su iPad senza jailbreak seguendo le indicazioni presenti in questa pagina. Lo stesso metodo consente di installare anche altri sistemi operativi e, per quanto la virtualizzazione software limiti pesantemente le performance, rimane un esperimento piuttosto suggestivo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.