DJI presenta OM4, la nuova generazione del suo gimbal per smartphone

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Simone Pignatti, Maurizio Bergo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

A poco più di un anno dalla presentazione dell'economico e compatto gimbal per smartphone Osmo Mobile 3, ecco che DJI presenta la nuova versione, rifinita nelle linee, diversa nell'approccio e con un nome nuovo: DJI OM4. Una denominazione più corta, che comunque rimanda a quella vecchia coincidendo con le sue iniziali. Oltre al design più pulito, la caratteristica che subito salta all'occhio è la mancanza del supporto per lo smartphone integrato nel dispositivo. Certo, non potrebbe essere un gimbal per smartphone senza un supporto fisico per questi ultimi e infatti anche qui lo ritroviamo, semplicemente DJI ha ripensato al modo in cui farlo. La parte precedentemente integrata è stata sostituita da un potente magnete attaccato al motore centrale e l'azienda ha inserito nella confezione sia una "moneta" in metallo, da attaccare allo smartphone per l'aggancio, sia un supporto regolabile vero e proprio, anch'esso magnetico, in modo analogo ad alcuni supporti per le auto.

Il dispositivo riprende tutti i vantaggi della passata generazione, compreso il design pieghevole, ed aggiorna tutte le funzionalità smart disponibili attraverso l'app DJI MIMO. Abbiamo infatti la possibilità di tracciare un soggetto, creare un movimento di Zoom Dolly, panorami a 180° o semisferici, timelapse e molto altro ancora. Insomma, in questo nuovo prodotto ritroviamo tutta la sostanza del modello precedente unita ad un pizzico di novità nel design che non guasta sicuramente. La piccola nota dolente riguarda il prezzo, perché adesso il DJI OM4 costa 149€, circa 20€ in più dell'Osmo Mobile 3.

Massimiliano Latella

Guest Editor - Fotografo matrimonialista, suono il Basso e la tecnologia è il mio leitmotiv.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.