Apple estende fino a 5 anni la riparazione gratuita per il flexgate

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Loris Sambinelli, Federico Bruno, Giovanni Tonini, Cristiano Testa, Francesco De Felice, Fabio Di Rezze.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il 2021 è appena iniziato ma sembra proprio che possa essere un anno d'oro per Apple. Dopo il successo dei primi Mac con M1 si parla già dei prossimi MacBook Pro e di altri prodotti attesissimi, come nuovi iMac, monitor più economici e addirittura un Mac Pro "mini" con Apple Silicon. Quindi da un lato ci sono novità hardware ma dall'altro una rinnovata attenzione al supporto clienti. Abbiamo visto la conferma del programma di riparazione per l'antiriflesso difettoso di alcuni MacBook ed oggi arriva la conferma dell'estensione di quello riguardante la retroilluminazione.

Era stato avviato di recente, nel maggio del 2019, garantendo la riparazione gratuita per quattro anni dall'acquisto, ma adesso è stata estesa di un anno coprendo quindi ben cinque anni, tre in più rispetto la normale garanzia. Il difetto è correlato a quello che iFixit ha denominato flexgate e sembra essere dovuto all'usura del cavo interno che collega la scheda logica al display. I computer coinvolti sono essenzialmente i MacBook Pro 13" dal 2016 in poi, sia con 2 che 4 porte Thunderbolt.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.