Fujifilm GFX100s, il top del medio formato in un corpo più compatto e conveniente

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Giorgio Gullotti, Gianluca Erbinucci, Tommaso D'Antuono, Alex Martelli, Eric Festa, Maurizio Chiarotto.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Ormai sono tanti anni che in fotografia non assistiamo a vere rivoluzioni. Certo escono nuove macchine, obiettivi migliori e ormai tutti si sono impegnati nelle senza specchio, ma c'è stato qualche prodotto o tecnologia che ha cambiato le carte in tavola? Se dovessi dire la mia, tra i tanti prodotti testati nel 2020 quello che mi ha segnato di più è stata la Fujifilm GFX 50R. Nella recensione ho evidenziato qualche limite, in particolare quello della messa a fuoco, ma il mese trascorso con lei è stato uno dei più stimolanti che io ricordi dal punto di vista fotografico. La strada scelta da Fujifilm non è facile, perché il mercato oggi sembra avere occhi solo per le full-frame, ma la sua strategia sta iniziando a far breccia e ancora di più lo farà grazie alla nuova arrivata.

La Fujifilm GFX 100s rappresenta un traguardo davvero importante, sia per l'azienda che per il mercato. La fotocamera usa lo stesso sensore CMOS BSI da 102MP dell'ammiraglia GFX100 ma racchiuso in un corpo più piccolo di quello della 50s. In effetti le dimensioni sono ormai davvero vicine a quelle di una X-H1, che è la più generosa nella serie X ma è pur sempre una APS-C. La struttura è molto più regolare rispetto la 50s, non avendo quella vistosa sporgenza sul retro e grazie al mirino integrato nel corpo, dunque non rimovibile come su GFX 100 e 50s. Scelte giuste, che hanno portato a realizzare una fotocamera più snella e dal facile approccio. Soluzione sottolineata anche dall'uso di controlli più comuni, come la ghiera dei modi PASM ed il selettore foto/video.

Vediamo alcune delle caratteristiche salienti:

  • Sensore CMOS BSI (44x33mm) da 102MP
  • AF con rilevamento di fase (fino a 425 punti)
  • Scatto continuo a 5fps (buffer da 64GB)
  • Otturatore meccanico 1/4000, elettronico 1/16000
  • X-Processor 4 quad-core (che arriva già con tutti gli update ottenuti dalla GFX100)
  • Mirino da 3,69 milioni di punti 85fps (ingrandimento 0,77x)
  • Nuovo otturatore meccanico
  • Nuovo IBIS da 6 stop con design più compatto
  • Uso della batteria NP-W235 (di X-T4) con autonomia da 460 scatti
  • Multi scatto con pixel-shift a 400MP
  • Video 12-bit ProRes RAW 4K/30p, 4:2:0/4:2:2 10-bit (SD/HDMI)
  • Wi-Fi e Bluetooth integrati
  • Doppio Slot SD UHS-II
  • Ingresso e Uscita audio 3,5mm
  • USB-C e micro HDMI
  • Porta PC-Sync

Interessante anche il discorso video, che inizia ad essere una possibilità concreta anche su sensori così grandi. Con la GFX 100s si registrano 120 minuti consecutivi senza interruzione, cosa che rimane difficile anche con alcune full-frame. Inoltre si arriva al 4K 17:9 con un frame rate massimo di 30fps e fino a 60fps in FullHD. Tutto senza crop, soltanto con la stabilizzazione digitale se ne introduce uno di 1,1x. Solidi i bitrate su scheda, fino a 400MP, ma si può anche registrare a 12-bit ProRes RAW con l'Atmos Ninja V. Presenti 19 simulazioni pellicola, F-Log e vari formati, compresi H264/HEVC 4:2:0/4:2:2 @ 10-bit interno.

Per capire meglio come si posiziona la nuova GFX 100s rispetto la 100 e la 50s, vi propongo questo specchietto riepilogativo delle principali funzionalità e differenze:

Caratteristiche GFX 100 GFX 100s GFX 50s
Risoluzione 102 MP 51.4MP
Messa a fuoco Rilevamento di fase Ricerca di contrasto
Mirino Rimovibile Fisso Rimovibile
IBIS Sì (Nuovo) No
Video 4K senza crop FullHD
Batteria NP-T125 x 2 NP-W235 NP-T125
Battery grip Integrato Non disp. Opzionale
Peso 1400 g 900 g 920 g
Dimensioni (mm) 156 x 144 x 75 150 x 104 x 44 147 x 113 x 91
Prezzo 11.185€ 6.185€ 5.499€

Con il ribasso di prezzo della 50r Fujifilm ha reso le medio formato digitali finalmente abbordabili e con la GFX 100 ha proposto il top della categoria ad un prezzo nettamente più basso della concorrenza, ma è con l'uscita della GFX 100s che riesce a centrare entrambi gli obiettivi. Il prezzo di vendita è infatti di 6185€ IVA inclusa (disponibilità da marzo), risultando pari e in alcuni casi inferiore alle full-frame professionali, ma con un sensore più grande e ben 102MP, che arrivano a 400MP grazie al pixel-shift. E se con la 50R si poteva avere qualche dubbio per la messa a fuoco a ricerca di contrasto, questa volta abbiamo il rilevamento di fase come sull'ammiraglia, da cui per altro eredita la maggior parte delle caratteristiche a circa metà prezzo.

Per scompaginare completamente il mercato sarebbe stata forse più utile una 50r II (o 50s II) con AF performante sotto i 4000€. Il fatto è che il sensore da 50MP attuale non ha questa tecnologia e non ce n'è uno simile che la possieda. Forse in futuro arriverà ma ad oggi Fujifilm ha avuto la necessità di partire da quello più recente e completo da 102MP. La cosa incredibile è che sia riuscita a condensare praticamente tutta la tecnologia della 100 in un corpo ben più compatto, tagliando così tanto sul prezzo. Non dico che ormai non ci sia differenza con le full-frame professionali, ma quasi. Soprattutto se consideriamo le top di gamma nel segmento dell'alta risoluzione, quindi per studio, paesaggistica, still-life, moda, ecc.. Certo non abbiamo la velocità adatta allo sport o all'avifauna, per quello i sensori più piccoli sono avvantaggiati, difatti molti usano persino le APS-C, ma se consideriamo tutta la tecnologia in gioco nella GFX 100s il prezzo di vendita non può che essere considerato competitivo.

Arriva anche l'ufficialità per il nuovo obiettivo GF80F1.7 R LW WR (equiv. 63mm su full-frame) anch'esso disponibile a marzo. Si allarga così il parco di lenti per il Fujifilm Large Format con un'ottica luminosa e dalla focale interessante, capace di offrire ampia versatilità al fotografo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram