L’ammiraglia cambia nome: Sony presenta la Alpha 1

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Manuel Riguer, Carlo Vigano.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Negli ultimi giorni Sony aveva pubblicato un teaser per la presentazione di una nuova fotocamera della serie Alpha con la tag line “The one never seen”, che si potrebbe interpretare come “Unica al mondo”. Ripensandoci adesso, però, quel “one” messo nella frase sembrerebbe essere correlato al nome prescelto: Sony Alpha 1. La nuova ammiraglia è arrivata e fa subito la voce grossa grazie al suo sensore full-frame da 50,1MP, scatto continuo di 30 fotogrammi al secondo e video in 8K 10 bit 4:2:0 sovracampionato dell’intera area del sensore (8,6K).

L’anteprima odierna è stata organizzata direttamente dalla sede europea ma domani dovremmo ottenere ulteriori dettagli grazie ad approfondimento dedicato ai giornalisti italiani. Ad ogni modo le specifiche del prodotto sono a dir poco strabilianti e vedono Sony segnare diversi primati, con una fotocamera che vuole unire in un solo corpo i vantaggi  che solitamente si ottengono separatamente, dovendo decidere a monte se preferire velocità o risoluzione. Va detto che vi è una stretta vicinanza con la Canon R5, capace di scattare con raffica di 20fps a 45MP, ma Sony arriva ancora più in alto e lo fa senza dimenticare esigenze importanti come quella della riduzione del rolling shutter, delle vibrazioni e del flickering. Interessante anche la sincronizzazione flash con otturatore elettronico fino a 1/200 e con quello meccanico a 1/400.

Ecco alcuni dei punti salienti:

  • Nuovo sensore da 50.1MP FullFrame Stacked Exmor RS coadiuvato dalla versione aggiornata del Processore BIONZ XR circa 8 volte più potente nell’elaborazione
  • Scatto continuo di 30 fotogrammi al secondo senza oscuramento
  • Elevata velocità di lettura del sensore, fino a 120 AF/AE elaborazioni al secondo, il doppio della Alpha 9 mark II, disponibile anche durante lo scatto continuo a 30 fps
  • Mirino ampio e luminoso da 0,64” con risoluzione approssimativa di 9,44 milioni di punti di tipo OLED Quad-XGA con una frequenza di aggiornamento di 240 fps
  • Otturatore elettronico silenzioso e senza vibrazioni
  • La prima macchina al mondo in grado di evitare il flickering sia con l’otturatore meccanico che con quello elettronico
  • Sincro Flash con otturatore elettronico fino a 1/200s, per la prima volta su una fotocamera Sony Alpha
  • Il più veloce otturatore meccanico in grado di portare il flash sync a 1/400s
  • Filmanti 8K@30p 10 bit 4:2:0 XAVC HS sovracampionati da 8,6K per un dettaglio straordinario. Video 4K@120p 10 bit 4:2:2
  • Ampia gamma dinamica di 15 Stop per le foto e 15+ Stop per il video
  • Real-time Eye AF per umani ed animali migliorato e nuovo Real-time Eye AF per gli uccelli. Migliorato anche il Real-Time Tracking che mantiene meglio a fuoco il soggetto
  • Stabilizzazione su 5 assi per il sensore, 5,5 stop di guadagno
  • S-Cinetone color matrix come le videocamere FX9 e FX6 per un’aspetto cinematografico
  • Supporto al lavoro professionale con le più veloci connessioni Wi-Fi, USB-C 10Gbps e Gigabit Ethernet

Tra gli aspetti degni di nota va menzionato anche il nuovo mirino OLED, davvero ampio e definito, l’elevata velocità di calcolo del nuovo processore e le rinnovate prestazioni per autofocus e stabilizzazione. Ma la lista completa è davvero lunga e compre anche l’arrivo dell’attesa modalità di scatto con RAW lossless e l’impressionante quantità di funzioni personalizzabili per i tasti Fn: ben 164.

Design e corpo restano simili a quelli della A9 Mark II, al punto che questa si potrebbe anche considerare una A9 Mark III sotto un nuovo nome. Da segnalare la scelta di usare uno schermo inclinabile e non ribaltabile, caratteristica spesso apprezzata nel mondo fotografico ma un po’ meno in quello video, dove tuttavia la A1 spicca per l’8K a 30fps e molte altre funzionalità evolute.

Inutile girarci intorno: la Sony Alpha 1 vuole posizionarsi in cima alla catena alimentare, scontrandosi con la Canon EOS R5 ma superandola per molti aspetti. Anche il surriscaldamento qui sembra essere meglio gestito, almeno sulla carta. Tuttavia la sostanza ha un contraltare che è quello del prezzo, dato che costerà ben 7290€ con i preordini già aperti adesso e disponibilità per il prossimo mese di marzo.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Massimiliano Latella

Guest Editor - Fotografo matrimonialista, suono il Basso e la tecnologia è il mio leitmotiv.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.