Come pulire il sensore delle macchine fotografiche (video)

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Paolo Palumbo, Giuseppe Marino, Fabio Sereno, Vincenzo Conigliaro, Marco Alberti, Loris Sambinelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Nell'ultimo mese mi sono accorto che in tutte le foto realizzate con la Sony A7R III c'era una macchia di polvere. Ho effettuato più volte il normale ciclo di pulizia del sensore, anche aiutandolo con il soffio di una pompetta, ma il problema è rimasto. Nel video vi mostro come pulire il sensore con facilità e soprattutto vi spiego cosa non bisogna fare per evitare di far danni. In particolare dovete fare attenzione alle fotocamere con sensori stabilizzati, perché dovete bloccarli prima di pulirli con i tamponi. Dopo il video trovate anche il riferimento del kit che ho usato ed alcune versioni più economiche.

🔝❤️Kit pulizia obiettivi, mount, sensori APS-C e Full-Frame

Vai all'offerta

Questo kit è super completo di tutto

Se avete fotocamere full-frame ed aps-c, questo kit è decisamente il più conveniente. Infatti oltre agli swab in buona quantità ed al liquido per il sensore, contiene anche guanti, pompetta, spazzola, liquido per lenti, salviette, ecc... se invece dovete effettuare solo la pulizia che mostro nel video e soltanto per un formato di sensore, potete risparmiare qualcosa con i kit di seguito, dove trovate essenzialmente solo i tamponi ed il liquido.

Come ho già detto nel video: non cimentatevi nell'operazione se non vi sentite assolutamente sicuri e prima di aver approfondito il caso specifico della vostra fotocamera sul manuale. Il sensore è molto meno delicato di quanto s'immagina, ma non vuol dire che non si possano far danni. Dunque per la maggior parte delle persone è preferibile affidarsi ad un centro di riparazione specializzato o al proprio negozio di fotografia di riferimento.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram