Evento Apple 20.04.2021: finalmente AirTag

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Antonello Cattide, Davide Dari, Alberto Nonnis, Umberto Facchin.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

L'abbiamo atteso per non so quanto tempo, con rumor e contro-rumor. Adesso è arrivato per davvero: ci riferiamo ad AirTag, il tracker per oggetti smarriti targato Apple, basato sulla piattaforma "Dov'è" che di recente è stata estesa pure ad oggetti di terze parti. Presentano una forma circolare in acciaio inossidabile, certificata IP67 per resistere contro polvere e liquidi, e possono essere personalizzati in fase d'acquisto con un'incisione (anche le emoticon sono accettate) per agevolarne il riconoscimento, specialmente qualora s'intendesse prenderne più di uno.

L'abbinamento ai dispositivi Apple è immediato, sfruttando lo stesso principio degli AirPods. Sono compatibili con tutti gli iPhone, iPad e iPod touch dotati di iOS/iPadOS 14.5: nessuna esclusione per i modelli privi di chip U1, previsto anche negli stessi AirTag. iPhone 11 e successivi avranno comunque un vantaggio nel supportare la trasmissione Ultra Wide Band, con la modalità "Posizione precisa" che potrà sfruttare pure la fotocamera posteriore e la realtà aumentata per facilitare il ritrovamento degli oggetti smarriti nelle vicinanze. Che si usi UWB o il più semplice Bluetooth, saranno forniti numerosi elementi visivi e sonori. AirTag dispone di un proprio piccolo altoparlante, in grado di emettere suoni quando viene segnalato lo smarrimento sull'app "Dov'è". Indicazioni a schermo e tramite comandi vocali guideranno l'utente nella ricerca, almeno finché non si sarà nel raggio d'azione UWB/BT del tracker. Per distanze più lontane, AirTag si appoggerà alla rete "Dov'è" per segnalare la sua posizione agli iDevice vicini, in forma completamente criptata per proteggere la privacy dell'utente; il loro compito sarà infatti solo di riportare le informazioni ai server Apple, che in forma decodificata le notificheranno all'utente. Le preoccupazioni per l'autonomia sono poche, dal momento che viene usata una comune batteria a bottone CR2032, che potrà essere sostituita al momento opportuno.

AirTag arriverà da venerdì 30 aprile, con preordini a partire dal 23. Apple ha previsto due opzioni: il singolo tracker a 35€ e una confezione da 4 al prezzo di 119€ che offrirà un risparmio complessivo di 21€ rispetto a comprarli uno per uno. L'incisione personalizzata sarà ordinabile gratuitamente. Non mancheranno svariati accessori, come portachiavi dedicati, anche a marchio Hermès, premesso si sia disposti a spendere anche fino a 12-13 volte in più del solo AirTag.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.