Parallels Desktop per Apple Silicon esce dalla fase di anteprima con l'aggiornamento 16.5

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Cosimo Talò, Antonio D'Agostino, Lorenzo Rossini, Michele Castelli, Simone Salucci, Roberto Barison, Ivan Vannicelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Le app native per i Mac con chip M1 accolgono nella giornata odierna una novità molto importante: Parallels Desktop. Tecnicamente non è oggi che la versione per Apple Silicon ha fatto il suo debutto, essendo arrivata in forma Preview già lo scorso dicembre; adesso la fase di anteprima è però terminata, formalizzando il supporto e rendendolo effettivamente disponibile a tutti gli utenti. L'aggiornamento 16.5 porta su ARM tutte le funzionalità della versione 16 introdotta nel 2020, inclusi gli accessori Parallels Access e Toolbox, insieme ad accorgimenti molto interessanti.

Parallels dichiara infatti prestazioni per le macchine virtuali con Windows 10 ARM fino al 30% superiori rispetto alle controparti Intel eseguite su configurazioni spinte dei MacBook Pro 15"/16", percentuale che arriva al 60% per i giochi che utilizzano DirectX 11. Valori molto lusinghieri, se consideriamo che i modelli M1 rilasciati da Apple sono considerabili sinora tutti degli entry-level, ma non sorprendono avendo già visto in altre occasioni cosa sono in grado di fare (va tuttavia ricordato per dovere di cronaca che i maggiori benefici vengono raggiunti con l'uso di app Windows compilate per ARM e non attraverso l'emulatore integrato nel sistema Microsoft). Oltre a Windows, Parallels Desktop 16.5 supporta anche varie distribuzioni Linux, tra cui Ubuntu 20.04, Kali Linux 2021.1, Debian 10.7 e Fedora Workstation 33-1.2. Entro l'anno arriverà anche la possibilità di installare lo stesso macOS in un'istanza virtuale, come già si può fare con Parallels sui Mac Intel.

In attesa di capire se arriverà mai Boot Camp su Apple Silicon, quanto rilasciato da Parallels offrirà senz'altro un'ottima opportunità per poter continuare ad usufruire di Windows e le sue app come sistema secondario sui nuovi Mac, posto che nel frattempo Microsoft decida di vendere Windows 10 ARM anche su licenza singola e non solo agli OEM come ora, cosa che costringe al momento gli utenti interessati a ricorrere principalmente alle non sempre stabili versioni Insider. Ritornando in conclusione su Parallels, l'aggiornamento 16.5 è disponibile per tutti coloro che dispongono di una copia installata di Parallels Desktop 16, sia su abbonamento sia con licenza perpetua.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.