WWDC 2021: iPadOS 15, aspettative al ribasso ma le novità ci sono

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Walter Di Matteo, Alessandro Tognoni, Matteo Quadri, Ivan Dama.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Per chi sperava che l'arrivo di M1 sugli iPad Pro portasse ad un rinnovo importante di iPadOS è bene partire subito con la doccia fredda, poiché di tutti i sogni che ho sentito – e in parte inserito anche nella mia wishlist – si ritrova bene poco in iPadOS 15. D'altro canto, però, di novità ce ne sono ed alcune anche piuttosto interessanti.

Iniziamo subito col dire che ritroviamo qui tutte le migliorie già presentate nell'articolo su iOS 15, tra cui bisogna certamente citare il grande sforzo su FaceTime e Messaggi, con le funzioni SharePlay per schermo, musica e video; tutto il pacchetto Focus per la gestione del proprio tempo, priorità delle notifiche, eccetera; Live Text che riconosce il testo nelle foto e lo indicizza anche per Spotlight; nonché le nuove memorie per foto e video, funzioni aggiuntive per Wallet e così via.

La nuova versione del sistema operativo per iPad inizia colmando il ritardo che aveva su iOS, ottenendo finalmente i Widget, anche in una nuova versione extralarge, e soprattutto App Library, con tanto di icona nel Dock e con tutto quello che ne consegue per la possibilità di nascondere pagine o riposizionarle.

E poi arriva anche qui l'app Translate con diverse novità, la più importante delle quali è il funzionamento esteso a tutto il sistema. Possiamo infatti richiedere una traduzione al volo da un testo selezionato, potenzialmente anche partendo da una foto grazie al Live Text.

Le prime novità reali ed esclusive di iPadOS si iniziano a vedere parlando di Multitasking. Non c'è una vera rivoluzione in tal senso ma tante piccole migliorie che ci renderanno la vita decisamente più semplice. Quando ci si trova con una app a pieno schermo, ora appare un piccolo menu dal quale si può decidere di richiamarne un'altra affiancata o in sovrimpressione (con riferimento a SplitView e SlideOver). Da quel momento l'app aperta andrà di lato, lasciando visione completa della home per farci andare a trovare ed avviare l'altra app.

Ancora più interessante è che una volta creata una schermata composta da due o tre app, questa verrà considerata una Scrivania come su Mission Control e si potrà passare dall'una all'altra semplicemente, creando dei micro ambienti di lavoro ottimizzati per differenti task. Inoltre, partendo dall'App Switcher, ora è possibile prendere un'app e mandarla su un'altra per aprirle direttamente affiancate.

Anche l'app Note ha ricevuto la sua buona dose di novità. Adesso è possibile menzionare un altro autore, inserire dei tag ricercabili tramite la funzione tag browser, e vedere tutto lo storico delle attività nel nuovo Activity View.

Una delle cose più interessanti è però la possibilità di creare Quick Note da ogni altra pagina, scorrendo con la Apple Pencil da un bordo in basso verso il centro. La Nota apparirà così in sovrimpressione e terrà conto dell'app visibile a tutto schermo: se si tratta di Safari, ad esempio, sarà possibile inserire il link della pagina attiva nella Note stessa.

Swift Playground compie un importante passo verso la maturità con la possibilità di compilare le app direttamente su iPad. I progetti possono essere aperti anche da Xcode sul Mac e c'è una ricca guida per creare facilmente la prima app, sia per iPadOS che iOS.

Infine arriva anche qui la nuova versione di Safari, dove cambia principalmente l'interfaccia con una gestione delle tab più ricca, grazie anche ai nuovi gruppi di tab, nonché con il supporto alle estensioni.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram