Apple Music si espande nello streaming di musica classica con l'acquisizione di Primephonic

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Andrea Giuseppe Calabrò, Cesare Munari, Mattia Facchini, Roberto Dodi, Carlo Scian, Stefano Bertola, Alessandro Rodolico.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Non si vive di solo pop, rock o dance. La musica classica ha una vastissima platea di estimatori, anche giovanissimi, con palati spesso esigenti tanto per qualità della composizione quanto d'ascolto. Lo streaming viene senz'altro in aiuto nella preservazione e diffusione delle opere, estendendo ancor più il potenziale bacino di fruitori. Con la mossa a sorpresa di oggi, Apple intende cercare proprio questo pubblico grazie all'acquisizione del servizio Primephonic.

Votato esclusivamente alla musica classica, Primephonic offriva una ricca libreria, superiore a quella proposta dai servizi "generalisti", coadiuvata da specifiche funzionalità di ricerca e suggerimenti curati da esperti – il tutto con un'alta qualità sonora, che si potrebbe definire di fatto un obbligo da garantire per questo genere. I primi frutti dell'acquisizione si vedranno molto presto, con l'arrivo delle composizioni, di playlist dedicate ed altri contenuti dedicati, anch'essi curati da Primephonic. Più avanti arriveranno funzionalità specifiche nell'app Apple Music che riprenderanno i cavalli di battaglia del vecchio servizio, tra cui la ricerca per compositore e repertorio nonché metadati dettagliati. È inoltre previsto l'arrivo di un'applicazione secondaria che darà accesso diretto ai soli contenuti di musica classica.

Nell'attesa, però, Primephonic non sarà più disponibile per i suoi utenti: già da oggi non è più possibile sottoscrivere nuovi abbonamenti e il servizio cesserà di funzionare il prossimo 7 settembre, dunque tra una settimana esatta. Le app, sia quella iOS che quella Android, sono già state ritirate dai rispettivi store, così come il web player. Gli ex-clienti di Primephonic potranno passare ad Apple Music con 6 mesi gratuiti di abbonamento, attraverso un codice coupon che riceveranno tramite posta elettronica, da sfruttare entro il prossimo 30 novembre come spiega la FAQ sul sito ufficiale. I giorni non goduti della mensilità già pagata (due erano i piani proposti, Premium con qualità massima MP3 a 320 kbps da 9,99€ al mese o 99,99€ l'anno e Platinum con FLAC 24-bit da 14,99€/mese o 149,99€/anno) verranno rimborsati.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.