Le password del Portachiavi iCloud arrivano su Windows

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Marco Borsò, Antonio Fedele Martina.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

C'è un'ottima novità per chi opera in un mondo multi piattaforma in cui la principale è macOS, ovvero l'estensione del Portachiavi iCloud su Windows 10. L'ultima versione di iCloud 12.5 per il sistema operativo di Microsoft vede infatti l'introduzione della gestione password in aggiunta a file, foto, mail, contatti, calendari e preferiti.

Succede piuttosto di frequente che chi usa Mac a casa poi si trovi con dei PC Windows al lavoro, ma anche che li si preferisca per il gaming. Se non si usano sistemi terzi per la gestione delle password e ci si appoggia al Portachiavi iCloud di macOS, si potranno da ora ritrovare tutti i propri accessi al sicuro anche su Windows 10. L'app iCloud è disponibile direttamente nel Windows Store – quindi accessibile anche dai dispositivi in versione "S" — e le password sincronizzate si potranno utilizzare sia da Microsoft Edge che Google Chrome, il tutto con un database criptato e con estensioni che dialogano con esso mantenendo la crittografia.

N.B. per il momento il sistema non sembra essere compatibile con l'autenticazione Windows Hello.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.