Il Surface Duo 2 porta ai vertici lo smartphone a doppio schermo di Microsoft

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Umberto Facchin, Alessio Furlan.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Una delle scommesse più curiose ed interessanti di Microsoft è stata il suo rientro nel mercato smartphone, effettuato lo scorso anno con due peculiarità: l'adozione di Android e la realizzazione di un dispositivo a doppio schermo, il Surface Duo. Un prodotto di punta, destinato soprattutto alle aziende, che grazie alla rotazione a 360° poteva essere utilizzato all'occorrenza tanto come uno smartphone (quasi) tradizionale quanto come un mini portatile o tablet. Nondimeno, la generazione originale presentava svariati limiti che lo rendeva più un prodotto a supporto di un altro smartphone in uso, invece di essere utilizzabile in modo indipendente. Il SoC Snapdragon 855 era datato, aveva una fotocamera unica per tutto e mancavano caratteristiche ormai standard come NFC. Tutte carenze colmate col Surface Duo 2, che può essere definito un top di gamma completo.

Il design non è stato oggetto di grandi modifiche, ma le finiture e i meccanismi sono ora più curati, offrendo maggiore qualità nonché evitando potenziali inconvenienti che affliggevano i dispositivi di prima generazione come crepe in alcuni punti. Si aggiunge poi la colorazione Obsidian Black osservabile sopra, che affianca la già nota Glacier White. Aprendo, ci troviamo davanti ai due schermi AMOLED: presi singolarmente, ognuno offre 5,8" con risoluzione 1892x1344 e rapporto 4:3; combinati, si arriva a 8,3" complessivi in 3:2, con una risoluzione massima di 2688x1892. I display hanno una luminosità massima di 800 nit, frequenza d'aggiornamento sino a 90 Hz e supportano i contenuti HDR. Possono anche essere utilizzati con la Surface Slim Pen 2 opzionale. L'upgrade coinvolge pure il comparto audio, che ora prevede altoparlanti stereo.

Sotto la scocca troviamo un SoC top di ultima generazione, Qualcomm Snapdragon 888, affiancato da 8 GB di RAM e uno spazio d'archiviazione variabile a seconda della configurazione scelta, 128, 256 o 512 GB. La connettività prevede 4G/5G con supporto dual SIM (fisica nano+eSIM), Wi-Fi 6, Bluetooth 5.1 e NFC. L'aspetto fotografico è però quello su cui Microsoft ha lavorato di più per questo Surface Duo 2, dotandolo di un set completo. Sopra al secondo display troviamo innanzitutto la fotocamera anteriore da 12 Megapixel, con apertura f/2. Sul retro, è presente un trittico composto da sensore principale da 12 Megapixel con apertura f/1,7, un teleobiettivo anch'esso da 12 MP ma f/2,4 e un'ultragrandangolare da 16 MP f/2,2. La registrazione avviene in 4K a 60 fps o in Full HD sino a 240.

Per il riconoscimento biometrico, è disponibile un sensore d'impronte digitali posto lateralmente. La batteria da 4449 mAh promette quasi una giornata intera di riproduzione video, superandola se lo si usa solamente per le chiamate, e supporta la ricarica rapida da 23 W tramite USB-C (purtroppo niente Qi, questa casellina non è stata spuntata). Il sistema operativo preinstallato sarà Android 11, con launcher e applicazioni proprietario Microsoft a supporto, oltre a quelle di Google incluso il Play Store. Arriverà sul mercato italiano dal 15 novembre, sempre rivolto però ai soli mercati business ed educativo. Non sono ancora noti i prezzi nostrani, ma verosimilmente non si discosteranno dai 1599€ richiesti per il modello base da 128 GB (salgono a 1699€ per 256 GB e 1899€ per 512 GB) in Francia, dove arriverà qualche settimana prima, il 21 ottobre.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.