iPhone 13 e 13 mini arrivano con novità al design e alle fotocamere

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Alessandro Peroni, Daniele Saron, Stefano Ferri, Roberto Esposito, Antonio Cerchiara, Andrea Magnoli, Francesco Fanti, Marco Farruggio, Alessandro Censi, Manuel Cipolotti, Davide Catena.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Le star dell'evento Apple da poco conclusosi sono state senza ombra di dubbio gli iPhone. Tutti i 4 modelli presentati presentano moltissime novità interessanti; l'ulteriore step in su che compiono i Pro ha meritato un articolo dedicato, ancor prima delle due varianti di ingresso. Iniziamo dal nome: come ormai previsto dalla stragrande maggioranza delle indiscrezioni, Apple non si è data alla scaramanzia e ha chiamato iPhone 13 la nuova generazione. Al contrario invece di chi ne decretava la fine per insuccesso, il mini è ancora tra noi ed è stato aggiornato anch'esso.

Salta subito all'occhio come il nuovo design condivida sì tanto con gli iPhone 12, ma abbia pure delle divergenze notevoli. A partire dal notch, ridotto del 20% grazie ai nuovi sensori per TrueDepth e Face ID. Cambia poi il setup delle due fotocamere posteriori, ora poste in diagonale tra loro per accomodare i sensori di maggiore grandezza (ci ritorneremo tra poco). Il resto riprende quanto già conosciuto, con una scocca dai bordi in alluminio e le due "facce" in vetro, con l'anteriore che adotta il Ceramic Shield per conferire una maggiore resistenza, coadiuvata dalla certificazione IP68 contro polveri e liquidi. La serie di upgrade tocca anche gli schermi Super Retina XDR OLED, che non cambiano per dimensioni (5,4"/6,1") e risoluzione ma godono di più luminosità, che arriva a 800 nit con un picco di 1200 in presenza di contenuti multimediali.

Al cuore troviamo il nuovo SoC A15 Bionic, sviluppato su un processo produttivo a 5 nanometri e dotato di 6 core, suddivisi tra 2 ad alte prestazioni e 4 per l'efficienza energetica, utilizzabili anche tutti insieme se necessario. È in grado di eseguire sino a 15,8 trilioni di operazioni al secondo, con prestazioni del 50% e 30% superiori ai chip rivali per quel che concerne rispettivamente CPU e GPU (quest'ultima da 4 core, uno in meno degli iPhone 13 Pro). Non mancano naturalmente migliorie a tutto tondo sugli altri componenti come il Neural Engine a 16 core, l'ISP e altri ancora.

Le maggiori migliorie hanno coinvolto le fotocamere posteriori. Restano a quota due, principale e ultragrandangolare, ma con molte novità. Il nuovo sensore principale è da 1,7 µm, con apertura f/1,6 e una lunghezza focale da 26 mm; Apple dichiara una capacità del 47% superiore ad iPhone 12 nel catturare la luce. Dal 12 Pro Max mutua inoltre la stabilizzazione ottica applicata direttamente sul sensore, che si estende così a tutta la gamma, incluso il mini. Migliora sensibilmente pure l'ultragrandangolare, con apertura f/2,4, campo visivo fino a 120° e più rapido nella cattura delle foto. Tra le altre migliore, ci sono inoltre Smart HDR 4 e gli Stili fotografici, che applicano modifiche in tempo reale su determinati aspetti dell'immagine, ancor prima di scattare. Queste funzionalità sono disponibili anche attraverso il sensore anteriore. Per quanto riguarda i filmati, come sui modelli maggiori anche qui troviamo la modalità Cinema, che in maniera analoga a Ritratto per le foto sfoca l'ambiente circostante per mettere a risalto il soggetto in primo piano, seguito anche quando è in movimento grazie al cambio di fuoco automatico. Le regolazioni possono anche essere effettuate dopo la registrazione. Tutte le fotocamere, inoltre, sono in grado di registrare in 4K HDR e Dolby Vision a 60 fps.

I nuovi modelli, infine, integrano un supporto più esteso alle reti 5G e batterie di maggiore capacità, che permettono di raggiungere autonomie fino a 2 ore e mezza in più rispetto ai predecessori. 5 le tonalità previste: Galassia, Mezzanotte, Blu, Rosa e Product(RED). Per l'archiviazione, scompare finalmente il taglio da 64 GB in favore di una lineup 128/256/512 GB, quest'ultimo nuovo taglio di vertice sui modelli entry-level. Si parte da 839€ per l'iPhone 13 mini da 128 GB, che salgono a 939€ per il 13 da 6,1" (per 256 GB sui prezzi menzionati vanno aggiunti altri 120€, che salgono a 250€ totali per i 512 GB). I preordini partiranno dal 17 settembre, con le vendite che seguiranno esattamente una settimana dopo, dal 24. Restano in gamma gli iPhone 12 e 12 mini, a prezzi ribassati (rispettivamente da 839€ e 719€), così come l'iPhone 11 (da 619€) e l'iPhone SE (da 499€).

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.