Evento Apple 18.10.2021: HomePod mini da novembre in Italia, con nuove tonalità di colore

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Davide Dari, Umberto Facchin, Antonello Cattide, Alessio Furlan, Walter Ciacci, Danilo Ronchi, Roberto Ferrero.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Lo si aspettava da anni, l'hanno promesso alla WWDC 2021 di giugno e ora sta davvero per arrivare. Ancora qualche settimana e HomePod mini sarà disponibile finalmente in Italia, al prezzo di 99€, portando anche qui lo smart speaker di Cupertino e rilanciando il guanto di sfida ad Amazon e Google le cui soluzioni si sono già radicate in modo forte nel mercato. L'arrivo nel Belpaese sancisce tuttavia l'introduzione di una novità per il dispositivo.

Alle già note versioni bianco e grigio siderale si vanno ad affiancare tre nuove colorazioni: blu, arancione e giallo. Per il resto, non ci sono altre novità rispetto al modello introdotto un anno fa; riportiamo pure qui per riferimento quanto scritto allora. Una sfera compatta, interrotta alla sua sommità dal piccolo schermo touch che segnala le interazioni in corso col dispositivo. Alto poco più di 8 cm, racchiude al suo interno un comparto audio curato, con un driver full-range per la resa ottimale su tutte le frequenze ed una struttura pensata per diffondere il suono a 360° nell'ambiente circostante. Al cuore di tutto c'è il SiP S5, già conosciuto sugli Apple Watch Series 5 e SE, coadiuvato da un algoritmo che analizza i brani in riproduzione per regolare in tempo reale l'equalizzazione. HomePod mini può essere abbinato ad una seconda unità per ottenere l'emissione stereofonica. Completa il tutto un set composto da 4 microfoni, di cui tre dedicati al riconoscimento vocale e uno alla cancellazione del rumore. Vi è il supporto a tutte le funzionalità di Siri, inclusa la frase di attivazione "Ehi Siri", e dispone di una stretta integrazione col sistema di domotica HomeKit. Per garantire la massima privacy, il dispositivo non effettua alcuna comunicazione coi server Apple finché non viene attivato Siri e la cessa una volta eseguito il compito; in ogni caso non vengono scambiati dati in grado di permettere l'identificazione dell'utente.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.