Canon EOS R3 provata a bordo pista!

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mauro Vanzelli, Vincenzo Conigliaro, Marco Alberti, Stefano Ferri, Fabio Sereno, Giuseppe Marino.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Ieri sono stato a Milano per provare sul campo la Canon EOS R3. Più che sul campo, in realtà, dovrei dire in pista. Io ed alcuni altri colleghi siamo stati invitati ad un bellissimo evento in cui si è parlato della nuova fotocamera e dell'evoluzione del sistema EOS R, ma soprattutto si è fotografato tanto. E ci si è presi anche tanta acqua, a dire la verità. Non proprio l'ideale per me, che da tanti anni soffro di Cefalea a Grappolo, ma comunque super interessante per poter provare con mano la velocità della R3 e del suo incredibile sistema AF. Specialmente con il rilevamento auto/moto che funziona così bene da rendere la vita del fotografo fin troppo facile.

Personalmente non ho mai fotografato auto, men che meno a livello professionale, difatti non credo di aver fatto un gran lavoro per enfatizzare la bellezza e la velocità delle auto in pista. L'esperienza è stata comunque molto stimolante e mi ha dato modo di verificare prima di tutto l'ottima ergonomia della R3. Appena presa in mano ci si sente subito a proprio agio, è facilissima da usare, rapida in ogni operazione e molto più leggera di quanto immaginassi. Per altro è più piccola di una fotocamera normale con battery grip montato, perché avendo tutto in un unico blocco si ottimizzano gli spazi. Mi sarebbe piaciuto avere il tempo di navigare più in profondità nei menu, analizzare tutte le nuove funzioni presenti, ma i ritmi erano piuttosto serrati e si passava rapidamente da una postazione all'altra e quindi si doveva approfittare per scattare, scattare, scattare. Spero di aver modo di poterla recensire più approfonditamente in futuro, per ora posso solo dire che non ha deluso le aspettative ed è anzi andata ben oltre. L'ho trovata più maneggevole dell'ammiraglia reflex 1D-X Mark III, ma comunque a suo agio anche con i super tele che avevamo a disposizione. Davvero un gran lavoro da parte di Canon.

Dulcis in fundo, abbiamo anche avuto la possibilità di fare qualche giro di pista come passeggeri, insieme a piloti professionisti che ci hanno fatto divertire in sicurezza, anche in presenza di tanta acqua. Con la scusa di questo bell'evento ho anche avuto la possibilità di rivedere alcuni colleghi e di incontrarne altri per la prima volta dal vivo, un ulteriore motivo per ringraziare Canon Italia. Spero che il breve video che sintetizza la giornata sia di vostro gradimento. Avrei voluto girare un vero vlog sul momento, ma tra la pioggia e il poco tempo, ho preferito catturare qualche momento qua e la e poi mettere tutto insieme il giorno dopo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram