iOS 14 non è più una opzione: Apple spinge gli utenti su iOS 15.2 con gli ultimi aggiornamenti

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Paolo Cinalli, Marco Alberti.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

La politica di Apple per gli aggiornamenti software è spesso coerente, ma non sempre condivisibile. Da diverso tempo si procede con una cavalcata annuale di update per tutto l'ecosistema e si mantengono al passo coi tempi anche dispostivi molto vecchi. A bilanciare questo innegabile virtuosismo, troviamo dei sistemi operativi che sembrano spesso in beta fino a due o tre release successive di bug fix. E quando un prodotto diventa obsoleto o vintage si fatica ad usarlo. Finché si tratta di uno smartphone lo si accetta più facilmente, ma dispiace vedere dei computer di 8 anni ancora arzilli, come un iMac 27" 2013, fermi a Catalina, anche perché rischiano in breve termine di non poter scaricare più software aggiornati dal Mac App Store. Per assurdo, sui vecchi Mac ci si trova più supportati installando Windows o Linux.

Nel settore mobile Apple tende a spingere gli update di iOS e iPadOS in modo vistoso. Di default troviamo l'opzione di aggiornamenti automatici attiva e questi vengono scaricati, preparati e persino installati quando possibile. Con l'uscita di iOS 15, però, gli utenti con il 14 hanno visto una schermata differente, con l'update proposto in modo opzionale. Molti lo hanno eseguito comunque, per avere nuove funzioni ed aggiornamenti di sicurezza, ma questi ultimi sono arrivati anche su iOS 14 per un po', fino ad 14.8.1.

Con la recente uscita di 15.2.1 le cose sono cambiate. Ora le versioni di iOS 14.x non sono più un'opzione ed Apple ha ripreso a traghettare gli utenti con maggiore insistenza sulla versione 15. Secondo una statistica di MacRumors, gli iPhone che erano rimasti ad iOS 14 erano un numero consistente, tant'è che l'adozione di iOS 15 su quelli degli ultimi 4 anni era del 72%: elevata in senso assoluto, ma più bassa dello standard per Apple. Sicuramente l'azienda ha interesse a mantenere alta la percentuale di dispositivi aggiornati, ma va anche detto che con iOS 15.2.1 sono stati risolti alcuni problemi di sicurezza con HomeKit e CarPlay e potrebbe essere stato complicato portare queste correzioni anche su iOS 14. Che sia per una ragione o per l'altra, la percentuale di iPhone con iOS 15 è destinata a salire piuttosto in fretta nei prossimi giorni.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.