macOS Monterey 12.2 è l'ultima versione con Python 2

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Maurizio Chiarotto, Eric Festa.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Con Monterey Apple ha deciso di rimuovere la versione standard di PHP integrata nel sistema, così vi ho spiegato come installarla attraverso Homebrew. Oggi ho eseguito l'upgrade alla Beta 12.3 per testare la nuova funzione Universal Control ed ho notato che alcuni script di Alfred (recensione) non funzionavano più a causa di un'ennesima rimozione, quella di Python.

Nel 2019 Apple aveva informato che non avrebbe più incluso Python 2 in futuro

Nello specifico è stato eliminato Python 2 che non era più supportato ormai dal 1 gennaio 2020. La modifica era stata largamente anticipata già dai tempi di Catalina, salvo poi essere stata rimandata fino ad oggi. Gli sviluppatori hanno avuto tutto il tempo di adattare i software che eventualmente si poggiavano a quella installazione, ma non tutti l'hanno fatto. Il già citato Alfred supporta dalla versione 4.6.1 il puntamento esterno ai binari non più presenti nel sistema, e la cosa funziona con PHP ottenuto tramite Homebrew, tuttavia sembra non riconoscere Python 3.

Per installare una versione aggiornata di Python su Mac si può passare tramite Homebrew, utilizzando il comando brew install. Apple suggerisce comunque agli sviluppatori di integrare nelle loro app i binari di cui necessitano, evitando di appoggiarsi a quelli di sistema come fatto finora.

Installare Homebrew (saltare se già presente)

/bin/bash -c "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/HEAD/install.sh)"

Aggiungere il percorso ai binari di Homebrew tra quelli predefiniti

/bin/bash -c "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/HEAD/install.sh)"

Installare Phython

brew install python

Per gli sviluppatori è anche possibile ottenerlo nella posizione nativa /usr/bin/python3 tramite Xcode developer tools.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.