Salta l'acquisizione di ARM da parte di NVIDIA e forse è meglio così

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Enrico Valzano, Antonio Martella, Riccardo Dalla Fontana, Marco Babolin, Nicola Modugno, Andrea Montagna.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Nel 2020 NVIDIA aveva trovato un accordo per acquisire ARM con una spesa di 40 miliardi di dollari (poi lievitata a 66). L'azienda che progetta la micro-architettura alla base di tutti i principali SoC mobile, attualmente controllata dalla giapponese SoftBank, rappresenta uno degli asset strategici più importanti nell'attuale panorama informatico, per cui ci siamo interrogati sul possibile impatto di questa acquisizione sul mercato.

Troppe aziende fanno affidamento sulle tecnologie di ARM e questo ha portato i vari organi regolatori ad esprimere dubbi sul progetto di acquisizione da parte di NVIDIA. A gennaio vi ho anticipato che ci si stata dirigendo verso un nulla di fatto e un report odierno del Financial Times ci mette una pietra sopra, asserendo che le negoziazioni si sono chiuse ieri.

Ritengo che si debba considerare come una buona notizia, perché è difficile immaginare che ARM possa perdere la sua indipendenza. Tanto più se nelle mani di NVIDIA, azienda che storicamente predilige camminare da sola invece che stringere alleanze. Nell'attuale panorama, ARM è quasi da accumunare ad un fornitore di infrastruttura, dato che in realtà non produce i chip ma ne progetta tutte le nuove implementazioni seguite poi da svariate aziende, spesso anche concorrenti.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.