Anteprima SONY WH-1000XM5: le nuove regine!

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mario Marino, Massimo Bau, Mauro Fabio Ferre', Luca Zeggio, Roberto Pinna, Federico Bruno.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Con le cuffie WH-1000X Sony ha stabilito fin da subito uno standard di riferimento per il settore. Ogni generazione successiva ha migliorato le funzionalità, affinato l'ergonomia e la riduzione del rumore, fino alla massima espressione raggiunta con il modello M4 che ho recensito l'anno scorso. Oggi arriva un annuncio di un certo peso con le nuove WH1000X-M5, le prime in cui c'è un sostanzialmente cambiamento su tutti i fronti, design incluso.

Un design tutto nuovo

Se in passato si faceva un po' di fatica a distinguere le varie generazioni solo dall'estetica, le M5 appaiono completamente diverse già ad una prima occhiata. Il nuovo archetto integrale è studiato per distribuire meglio il carico sulla testa ed è più gradevole nel design, ma perde purtroppo la possibilità di piega. Rimane invece possibile ruotare i padiglioni per appiattirli ed è stato realizzato un nuovo case che si schiaccia quando è vuoto, così da occupare pochissimo spazio in borsa. Tutta nuova la confezione in materiale riciclato ecosostenibile.

Sparisce lo storico meccanismo a forcella che reggeva i padiglioni, sostituto da un sistema più elegante che pare garantire lo stesso livello di mobilità. L'esterno dei padiglioni mantiene un chiaro riferimento al passato, con la forma curva che di colpo si appiattisce, però il design è notevolmente più pulito. Il peso è stato ridotto di poco (-7 grammi), ma per valutare l'ergonomia bisognerà provarle un po'.

Sono supportate nativamente le attivazioni per gli assistenti Alexa e Google, mentre per Siri si può utilizzare il tasto dedicato. La batteria è dichiarata per un'autonomia di 30 ore e quando è scarica ne possono ottenere 3 con alimentazione veloce tramite USB-C.

Qualità audio e ANC al vertice

Il comparto tecnologico è variato quanto, se non addirittura di più, di quello estetico. La cosa che sono più curioso di testare è proprio la qualità audio, perché si passa dagli storici driver da 40mm a delle nuove unità custom da 30mm con diaframma in fibra di carbonio.

Per quanto riguarda le telefonate ci sono ora 4 microfoni con tecnologia beamforming, invece dei precedenti 2, e l'intervento dell'IA per migliorare la qualità e la chiarezza della voce.

La riduzione del rumore è destinata a stabilire il nuovo riferimento di settore, essendo migliorata in ogni singolo aspetto e risultando ora più efficace anche sulle frequenze medio-alte. Oltre al processore HD QN1, già presente nelle M4, è stato aggiunto un secondo processore integrato V1 per perfezionare ulteriormente i risultati. In più, sono stati raddoppiati i microfoni per catturare il suono ambientale, passando da 4 a ben 8.

Funzioni più moderne

Sparisce dalle specifiche l'NFC, sostituito dai più moderni sistemi Fast Pair di Google (per gli smartphone Android) e Swift Pair di Microsoft (per Windows 10/11), così da far apparire semplicemente un pop-up accendendo le cuffie in prossimità dei dispositivi.

L'abbinamento Bluetooth 5 multipoint consente di connettere due dispositivi contemporaneamente, potendo passare dall'uno all'altro toccando un pulsante. Inoltre, lo switch sarà del tutto automatico alla ricezione di una chiamata.

Lineup

Essendo le WH-1000XM5 una completa rivoluzione, non vanno a sostituire le M4 ma si posizionano su un livello superiore. L'attuale lineup prevede dunque 5 modelli primari, da una base di 50€ fino alla vetta di 420€ delle nuove M5, la cui disponibilità è prevista per fine maggio.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram